1130-bannerone-SCIOPERO
 
 
 
italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

In primo piano

Servizio sugli scioperi della Scuola dal minuto 17:50 al minuto 18:20.

Il giorno in cui prenderà il via l'esame degli emendamenti al ddl ‘La Buona Scuola’ in Parlamento, inizierà la protesta di migliaia di docenti e Ata, precari e di ruolo, proclamata tempestivamente da diversi sindacati autonomi e di base, che potrebbe continuare nel mese successivo. Quando altri scioperi sono stati proclamati dai sindacati rappresentativi e non, a pochi giorni dall'approvazione definitiva del testo che introduce la chiamata diretta e i super poteri al dirigente-padrone in tema di trasferimenti, carriera, licenziamenti. Tutto il personale interessato a raggiungere Roma in pullman e partecipare al corteo e al sit-in di venerdì 24 aprile può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Marcello Pacifico, presidente Anief e candidato al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione: la riforma della scuola deve partire dal basso, da quel personale che ha gli stipendi fermi dal 2009 e che il Governo ha deciso da tempo di lasciare tali fino al 2018.

Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 1973/2015 accoglie il ricorso pilota patrocinato dall'ANIEF e accerta senza riserve il diritto dei docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro il 2001/2002 ad essere inseriti nella terza fascia delle Graduatorie a Esaurimento. L'ANIEF sbaraglia il MIUR e ottiene ragione! Riaperti i termini per aderire al ricorso anche per chi non aveva prodotto domanda di inserimento in GaE entro i termini.

L'ANIEF porta a segno altre tre schiaccianti vittorie nei confronti del Ministero dell'Istruzione e ottiene l'immissione in ruolo retrodatata al 2009 per tre docenti ancora precarie che finalmente potranno stipulare il contratto di lavoro a tempo indeterminato in virtù del loro corretto inserimento “a pettine” nelle graduatorie 2009/2011. Gli avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Francesca Picone ottengono il riconoscimento del pieno diritto dei nostri iscritti all'immediata immissione in ruolo e la condanna del MIUR a 15000 Euro di risarcimento danni per comportamento ostruzionistico.

Pubblichiamo il dossier "La Buona Scuola al varo" della rivista Tuttoscuola.

I numeri dovevano essere resi pubblici a fine 2014, ma il tempo preso in più non è servito a rendere pubblici numeri veri: oltre i 100mila posti considerati vacanti e da coprire con le assunzioni programmate tramite il ddl di riforma, vi sono altrettanti posti liberi o che si libereranno anche per l’innalzamento degli alunni disabili.

Marcello Pacifico (presidente Anief): il problema è che il Governo non vuole ammettere che ci sono posti in più, anche perché se lo ammettesse soccomberebbe nei tribunali e dovrebbe assumere tutti quei docenti con 36 mesi di servizio su cattedra vacante. E siccome dal disegno di legge non si vuole stralciare il piano straordinario di oltre 100mila assunzioni previste dalla bozza approvata dal Governo, si rischia seriamente di compromettere anche quelle. Con la possibilità concreta di ritrovarci anche quest’anno a coprire il solito turn over. Allora ci chiediamo: ma non dovevano finire il precariato e la supplentite?

Pubblichiamo alcuni articoli su DDL Scuola, iIl 24 aprile sciopero generale di tutto il personale scolastico: basta tagli, le regole le cambiamo noi e su Pensioni, DEF  nel 2015 +1% e incrementi pure per gli anni a seguire, ma dal 2019 inizia la parabola discendente.

Ieri il Governo ha fornito i dati sul precariato, i posti a supplenza e le posizioni degli aspiranti GaE, esclusi i vincitori di concorso, distribuiti per provincia e classe di concorso.