Homepage
Username   Password       Recupero Password - Registrati - 

NOTIZIE
Eventi
Contratto
Didattica
Mobilità
Precariato
Riforme
Parlamento
Concorsi
Ricerca
Università
Formazione
Graduatorie
Varie
Rubriche
Precariamente
Scioperi
ATA
TFA
AFAM
PAS
Confedir
CHI SIAMO
STRUTTURA NAZIONALE
ANIEF TV
STRUTTURA TERRITORIALE
IMMISSIONI IN RUOLO
ISCRIZIONI
RSU
RICORSI
DOCUMENTI
FORMAZIONE
SERVIZI
ISTITUZIONI
SOSTEGNO
SUPERVISORI
STAMPA

Notizie :: Parlamento
Interrogazione al Ministro per l’accesso dei neo-abilitati nelle graduatorie: sostegno dall’Anief

Pubblicato il 29 Novembre 2011 alle 16:14

L’Anief sostiene con forza le richieste che da due anni i parlamentari di tutti gli schieramenti continuano a fare in Parlamento ed al Ministro dell’Istruzione per rendere esecutivo l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento degli abilitati o abilitandi in scienze della formazione primaria”: così Marcello Pacifico, Presidente dell’Anief, commenta la decisione presa nelle ultime ore dall’on. Tonino Russo (Pd) di presentare un’interrogazione urgente al nuovo Ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, per chiedere l’attuazione di un provvedimento su cui la scorsa estate si erano schierati a favore decine di parlamentari di maggioranza ed opposizione.

L’ennesima interrogazione dell’on. Russo – ha detto il Presidente dell’Anief – è indirizzata a dare giustizia ad almeno 20 mila docenti abilitati a seguito di lunghi ed impegnativi corsi di formazione svolti nelle Università statali italiane. Per questo nei prossimi giorni, non appena saranno calendarizzati i provvedimenti urgenti da approvare per Scuola ed Università, il nostro sindacato riprenderà a sostenere con forza la loro inclusione nelle graduatorie provinciali che danno diritto all’immissione in ruolo”.

Secondo Pacifico “è assurdo che ancora oggi, mentre si discute sul regolamento e le modalità di accesso ai Tfa e ai rinnovati percorsi abilitanti per la scuola dell’infanzia e primaria, non si sia risolta con esito positivo una vicenda che tiene in ansia migliaia di cittadini il cui uno torto è solo uno: voler svolgere, dopo aver seguito con successo i corsi accademici previsti dalla legge, la professione di insegnante”.

92 visitatori online






















































  © 2014 All Rights Reserved