Mille-proroghe approvato dalla Camera: accolte le richieste dell’Anief


Passa l’emendamento proposto dall’Anief sull’inserimento nelle graduatorie dei 23.000 abilitati iscritti ai corsi universitari negli aa. 2008-2009, 2009-2010, 2010-2011, un odg che raccomanda al Governo di inserire tutti gli altri abilitati, un altro odg che lo impegna ad aprire una finestra sulle pensioni al 31.8.2012 per il personale della scuola.

Le proposte emendative inviate dall’Anief alla I Commissione e alla V Commissione della Camera dei Deputati subito dopo l’epifania sono state quasi tutte recepite o accolte dal Parlamento nelle modifiche agli articoli di legge o nell’approvazione di ordini del giorno che impegnano il Governo a emanare provvedimenti correttivi o a valutare l’opportunità di risolvere le questioni in via amministrativa.

Ancora una volta, l’Anief si è fatta interprete di fronte al legislatore delle richieste che provengono dal mondo della scuola, sebbene sia impegnata per la presentazione delle liste per le elezioni delle RSU nelle scuole. Sono state accolte le richieste di inserimento nelle graduatorie ad esaurimento degli iscritti negli anni accademici 2008-2009, 2009-2010, 2010-2011 ai corsi abilitanti presso le Facoltà di Scienze della Formazione Primaria, le Accademie e i Conservatori, analogamente a quanto concesso nell’ottobre 2008, sempre su richiesta dell’Anief, per gli iscritti ai corsi universitari abilitanti nell’a. a. 2007-2008. È stato accolto come raccomandazione l’ordine del giorno n. 58 (on. Russo) che impegna il Governo a valutare l’opportunità di consentire l’inserimento nelle stesse graduatorie all’atto dell’emanazione del decreto di aggiornamento anche dei docenti che in passato erano stati iscritti nelle graduatorie o che hanno comunque conseguito un’abilitazione, sciogliendo la riserva ai docenti in possesso della relativa abilitazione. E dopo la richiesta di una finestra sulle pensioni per il personale della scuola, è stato approvato l’ordine del giorno n. 79 (on. Ghizzoni, prima firmataria) che impegna il Governo a introdurre nel prossimo provvedimento utile una norma che consenta al personale della scuola, in possesso dei requisiti vigenti per andare in pensione al 31 agosto 2012, di andare in pensione con la vecchia disciplina previdenziale.

L’Anief ha dimostrato ancora una volta di saper tutelare gli interessi dei lavoratori della scuola. Ora tocca a te: candidati come Rsu o trova un candidato per presentare la lista Anief nella tua scuola. Consenti al nuovo sindacato di essere rappresentativo nei tavoli contrattuali. Scrivi a rsu@anief.net Le liste si presentano entro l’8 febbraio 2012.

 

Il testo dei due ordini del giorno approvati

 

Ordine del giorno n. 9/4865-AR/58 Russo

premesso che:

il comma 2bis all’articolo 14, prevede l’emanazione di un decreto del ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca per consentire l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento, entro l’anno 2012-2013, dei docenti iscritti per il conseguimento dell’abilitazione, negli anni accademici 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011, presso le Facoltà di Scienze della Formazione, le Università, le Accademie e i Conservatori,

impegna il Governo a valutare l’opportunità di

consentire, in occasione dell’aggiornamento straordinario, nel rispetto di quanto disposto dall’articolo 1, comma 1bis e dall’articolo 2 della legge n. 143 del 4 giugno 2004, il reinserimento nelle graduatorie dei docenti che hanno ripresentato domanda durante l’ultimo aggiornamento disposto ai sensi del D. M. 44 del 12 maggio 2011, l’inserimento dei docenti che risultavano iscritti ai corsi attivati dalle Università ai sensi del D. M. n. 21 del 9 febbraio 2005 e del D. M. n. 85 del novembre 2005, o comunque, provvisti di un’abilitazione conseguita in Italia all’atto della conversione in legge del decreto legge n. 216 del 30 dicembre 2011; a sciogliere la riserva per il personale docente inserito nelle suddette graduatorie in possesso della relativa abilitazione, e a valutare l’opportunità di consentire, altresì, l’inserimento dei docenti che hanno conseguito l’abilitazione all’estero, accertata la conformità ai principi della direttiva comunitaria 2005/36, da parte del ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

 

 

Ordine del giorno n. 9/4865-AR/79 Ghizzoni, Gnecchi, Bachelet, Coscia, De Biasi, De Pasquale, De Torre, Levi, Lolli, Mazzarella, Melandri, Nicolais, Pes, Rossa, Russo, Siragusa

La Camera,
premesso che:

il decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 introduce una nuova disciplina previdenziale e l'articolo 24, comma 14 stabilisce che le disposizioni in materia di requisiti di accesso e di regime delle decorrenze vigenti prima della data di entrata in vigore della legge continuano ad applicarsi ai soggetti che hanno maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2011, senza tener conto della particolare specifica normativa che permette, invece, agli insegnanti di accedere al pensionamento esclusivamente in coerenza con il calendario scolastico; come dimostrano gli ultimi dati ufficiali forniti dal Miur, che collocano i docenti italiani tra i più anziani dei Paesi Europei, gli interventi volti a ridurre le cessazioni del rapporto di lavoro per pensionamento incidono sull'invecchiamento del corpo insegnante,

impegna il Governo

in sede di discussione del primo provvedimento utile a prevedere un intervento normativo volto a introdurre il termine del 31 agosto 2012 per il personale del comparto scuola che ha maturato i requisiti di accesso e di regime delle decorrenze vigenti prima della data di entrata in vigore del decreto-legge 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214.

HOME oppure TORNA INIDETRO