Graduatorie: i ricorrenti inseriti con riserva non possono essere cancellati


In risposta all’interrogazione dell’on. Russo (Pd), promossa su richiesta dell’ANIEF, il Sottosegretario di Stato conferma quanto sottolineato dal Sindacato al direttore Chiappetta: il personale inserito con riserva nelle GaE con ricorsi in corso al Tar o al Presidente della Repubblica non può essere cancellato. Si tratta, per lo più, di soci ANIEF che hanno ricorso perché hanno chiesto il reinserimento (7.1), il primo inserimento (7.2), l’inserimento con riserva perché specializzando presso conservatori, accademie, facoltà di scienze della formazione primaria (7.3, 7.3bis). Il personale erroneamente cancellato dalle GaE, da parte degli USP, subito dopo la pubblicazione delle graduatorie deve segnalare con urgenza alla segreteria l’accaduto al fine di intervenire tempestivamente per il reintegro.

Permane, invece, incredibilmente dopo l’apertura dello scorso autunno, la volontà del Governo di ignorare un preciso ordine del giorno preso in Senato per inserire nelle graduatorie il personale iscritto ai corsi abilitanti presso le università, le accademie e i conservatori nell’a. a. 2008-2009. L’ANIEF continuerà a incalzare il MIUR finché non sarà onorato l’impegno preso con un provvedimento legislativo, al di là della nuova formazione iniziale. 

 

Il sottosegretario Guido VICECONTE risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 9).

http://www.camera.it/camera/xeditor/visual_edit/453?shadow_organo_parlamentare=1500&bollet=_dati/leg16/lavori/bollet/201005/0518/html/07#0n22

La replica dell’On. Russo

Antonino RUSSO (PD), replicando, si dichiara insoddisfatto. Prendendo preliminarmente atto delle precisazioni contenute dalla risposta fornita dal Governo in merito alle graduatorie che non riguarderebbero i docenti che hanno fatto ricorso, segnala che si farà latore presso gli interessati della risposta ufficiale dell'Esecutivo. Per ciò che riguarda invece l'ordine del giorno delle maggioranza presentato al Senato e accolto dal Governo, volto a risolvere il problema di quegli insegnanti che hanno frequentato dal 2007 al 2009 i corsi abilitanti AFAM e COBASLID di strumento musicale (classe 77/A), ricorda come in quella sede il Governo si fosse impegnato, data la mancanza di tempo, a risolvere prima possibile la questione. Stigmatizza a tal proposito il fatto che il Governo risponda che l'ordine del giorno non ha valore di legge e rileva che in realtà nulla è stato fatto per risolvere la problematica in oggetto.
Aggiunge che, a suo giudizio, chiudere le graduatorie, lasciando fuori chi ha seguito corsi abilitanti autorizzati sia un fatto grave e che occorra trovare una soluzione diversa da quella prospettata. Non ritiene, infine, possibile che tali docenti debbano rientrare nelle nuove modalità prescritte nello schema di regolamento per la formazione iniziale, in corso di approvazione, contraddicendo così quanto detto dal Governo stesso in sede di accoglimento dell'ordine del giorno al Senato.

 

La nota ANIEF

 

HOME oppure TORNA INIDETRO