480x150 stabilizz

Scorrendo la bozza di regolamento, rimangono esclusi tutti i precari che per vari motivi, spesso per ritardi organizzativi, non hanno ancora concluso il loro percorso abilitante per le discipline d’insegnamento che frequentano. Ad iniziare dal Tfa Sostegno secondo ciclo: non potranno partecipare al concorso e verranno messi in stand by fino alla prossima selezione, che sarà bandita, nella migliore delle ipotesi, solo nel 2019.

Marcello Pacifico (presidente Anief): il Miur li accantona per un altro triennio, come se non bastassero gli anni di lavoro sul campo. Bastava invece prevedere la loro accettazione con riserva, come è sempre stato fatto in occasione di tutte le precedenti selezioni concorsuali. E’ un loro diritto partecipare al concorso e noi non ci stiamo: siamo pronti sin d’ora ad impugnare l’esclusione illegittima presso la magistratura amministrativa.

I docenti abilitandi e specializzandi che stanno concludendo i corsi universitari non potranno partecipare al concorso a cattedra per 63.712 posti, il cui bando è stato annunciato per i primi giorni di febbraio. Fa scalpore, in particolare, la mancata possibilità di includere nella selezione nazionale anche coloro che stanno concludendo il Tirocinio formativo attivo per il Sostegno, secondo ciclo, che conseguiranno la specializzazione tra pochi mesi e comunque entro il mese di giugno.

Invece di prevedere la loro iscrizione al concorso a cattedra con riserva, da sciogliere nei giorni successivi al conseguimento del titolo, come è stato fatto in passato, l’amministrazione ha preferito risolvere il “problema” in modo radicale, negando loro la partecipazione. Eppure, buona parte del percorso è stato già fatto. Gli specializzandi hanno superato diverse prove: la preselettiva (che sbarra la strada, mediamente, a tre candidati su quattro), la prova scritta e quella orale di ammissione ai corsi (che tagliano il resto, com’è stabilito per i corsi a numero chiuso). Infine, hanno sostenuto, in itinere, già diversi esami propedeutici e specializzandi.

“Per queste ragioni – spiega Marcello Pacifico, presidente Anief – abbiamo deciso di incaricare i nostri legali per individuare le evidenze giuridiche al fine di salvaguardare il buon diritto degli specializzandi. L’obiettivo, se non si attuerà una modifica in extremis del bando, è quello di ottenere dalla magistratura amministrativa la partecipazione, con riserva, degli specializzandi che frequentano il II ciclo Tfa Sostegno, fino al conseguimento del titolo. E allo stesso modo, intendiamo far partecipare alle prove tutti coloro che sono in procinto, nei prossimi mesi, di conseguire il titolo abilitante attraverso gli altri percorsi formativi universitari”.

Il sindacato, infine, non può non rilevare che l’azione contro i docenti di sostegno si sta sempre più trasformando in una sorta di accanimento: anche quest’anno, al termine del piano straordinario di assunzioni della Buona Scuola, sono risultati non assegnati migliaia di posti, proprio per mancanza di docenti con il titolo di specializzazione. E i docenti stabilizzati restano alla percentuale del 75 per cento del totale. Come se non bastasse tutto questo, il Miur ha bandito il concorso a cattedra per soli 5.766 posti di sostegno, non tenendo conto dei dati dell’anno scolastico 2015/16 (+ 7,3%, in un anno, di alunni portatori di handicap che, adesso, sono 223.567). Con il risultato che i vincitori del concorso non andranno a coprire i posti disponibili nei prossimi tre anni, visto che i posti annualmente assegnati alle supplenze e vacanti sono circa 33mila. Per i quali, non a caso, l’Anief ha chiesto di provvedere a coprire con altrettante assunzioni prima dello svolgimento del concorso.

 

 

Per approfondimenti:

RIFORMA – Il ministro non conosce la scuola o bluffa: come fa a dire che le scuole non dovranno più chiamare i precari? La realtà è che a settembre avremo ancora 100mila supplenze

Riforma, per realizzarla sarà decisivo il parere dei Collegi dei docenti: Anief avvia i seminari informativi per aiutare gli insegnanti a votare in modo consapevole

Come si ricorre con Anief per chiedere l’inserimento a pettine in Seconda Fascia G.I. ABILITATI e ABILITANDI

Precariato, la Commissione UE risponde alla prima denuncia: le assunzioni non sono un “regalo” del Governo, ma imposte da Bruxelles

DDL Scuola – Sono 70mila i precari che ricorreranno in tribunale: chi ha frequentato i corsi di abilitazione Pas o i Tfa ha diritto all’assunzione, non a pillole amare presentate come regali

Sì alla cattedra anche se è lontana ma uno su cinque rifiuta il posto (La Repubblica del 14 agosto 2015)

Piano straordinario di assunzioni: è migrazione da Sicilia e Campania. Un docente su cinque sarà assunto in una regione diversa da quella scelta

Sono 15mila i posti che rimarranno scoperti, il Miur deve allargare le immissioni in ruolo agli abilitati fuori GaE

Piano straordinario delle assunzioni: è scandalo, mancano 10 mila docenti di matematica e di sostegno ma la colpa è del Governo

L’organico potenziato nasce zoppo: tra i 5 e i 10mila posti rimarranno scoperti

Ocse chiede di potenziare la matematica in classe puntando su docenti preparati, l’Italia ce li ha ma continua a tenerli precari con migliaia di posti liberi

I posti non assegnati in organico aggiuntivo non potranno andare a supplenza annuale, ma al Miur non lo sanno

Il ministro Giannini dispensa tranquillità sull’avvio del nuovo anno, ma dimentica di dire che i veri assunti saranno appena 40mila: rimane vivo il problema del precariato

Emiliano padrino dei precari: "la buona scuola fa soffrire per voi affitti e treni scontati" (La Repubblica del 28 agosto 2015)

Il paradosso della mancanza dei prof di sostegno, l’anno parte con 3.671 assunzioni perse e i dirigenti che non sanno a chi dare le cattedre: eppure ci sono 12mila specializzati che rimarranno supplenti

SCUOLA – Assunzioni, 2 precari su 3 della fase B pronti a fare le valigie: boom di trasferimenti da Sud a Nord

Scuola, il dilemma dei professori. Hanno dieci giorni per decidere: andare via da casa oppure rinunciare all’assunzione. “Aspetterò un altro anno. E farò ricorso” (Corriere della Sera del 3 settembre 2015)

L’algoritmo-lotteria che sceglie i prof (Corriere della Sera del 4 settembre 2015)

Assunzioni, il piano è fallito: alla fine saranno immessi in ruolo 80mila precari su 150mila iniziali. E la metà dovrà pure spostarsi di regione

Fase C, tra i precari cresce l’agitazione: c’è chi rischia di non essere assunto (Il Secolo XIX dell’11 settembre 2015)

Precariato, la resa del ministro Giannini: anche quest’anno ci saranno 100mila supplenti, per studenti e famiglia continua il caos

Piano straordinario assunzioni: il Miur rifiuta le domande cartacee di 9mila docenti abilitati, ma il tribunale si deve ancora pronunciare

Concorso a cattedra 2012. Sentenza definitiva del Consiglio di Stato: potevano partecipare tutti i laureati fino all’emanazione del bando

Il concorso per 90mila nuovi docenti ai nastri di partenza: a breve il bando, ma è già polemica per l’esclusione dei laureati senza abilitazione

Quasi pronto il bando di concorso per 90mila nuovi docenti: Miur non dimentichi di riservare il 40% dei posti a chi ha svolto oltre 36 mesi

Concorso docenti, Miur piegato dal Tar Lazio: chi è già di ruolo può partecipare. L’amministrazione farebbe ora bene a cambiare la norma per selezionare 90mila nuovi prof previsti dalla riforma

Scuola, concorsone da 63.700 posti. Bando atteso entro novembre (Il Sole 24 Ore del 4 novembre 2015)

Concorso a cattedra: Miur si prepara a pubblicare il bando per 63. 700 nuovi docenti, ma riesce a scontentare tutti i precari

Concorso professori, via libera del governo: posti per 63 mila docenti (Corriere della Sera del 29 dicembre 2015)

La novità del concorso: gli ambiti che aggregano le vecchie classi di concorso (Tuttoscuola del 17 gennaio 2016)

Concorso a cattedra, atteso da 50 giorni è ancora in alto mare. Ora spuntano le nuove classi concorsuali raggruppate per grandi ambiti: così pure i prossimi prof faranno da “tappabuchi”

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 - Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie