1180-ricorso-ds-3b 1

Molti docenti neo-assunti saranno assegnati alle scuole dagli uffici scolastici regionali senza curriculum vitae, sempre che si risalga ai nomi. Ancora una volta fallisce il meccanismo della chiamata diretta che quest’anno aveva visto coinvolti in parte anche gli organi collegiali, perché alle prime indicazioni nazionali ne sono seguile nuove.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal):Ora si riapra il sistema informatico o le nomine saranno fatte al buio al di là di quello che la legge avrebbe voluto per potenziare l’offerta formativa adeguando domanda e offerta. Sempre che dagli uffici scolastici regionali sappiano chi chiamare.

 

Molti docenti neo-assunti saranno assegnati alle scuole dagli uffici scolastici regionali senza curriculum vitae, sempre che si risalga ai nomi. Ancora una volta fallisce il meccanismo della chiamata diretta che quest’anno aveva visto coinvolti in parte anche gli organi collegiali, perché alle prime indicazioni nazionali ne sono seguile nuove che hanno tenuto conto delle operazioni di reclutamento disposte a livello territoriale, in parte ancora in corso. Basterebbe riaprire il sistema informatico per caricare i dati e aggiornare la tempistica per la selezione da parte delle scuole.

All’inizio, il ministro Fedeli aveva dichiarato che le 52mila assunzioni dei docenti sarebbero avvenute entro il 14 agosto. Le strutture periferiche del Miur s’impegnano a calendarizzare entro questa data tutte le operazioni di nomina, ma subiscono un colpo di scena: nuove indicazioni dal Miur per caricare tutti i nominativi dei neo-assunti entro il 9 agosto, per poi procedere al caricamento dei curricula e consentire la selezione per chiamata diretta dei dirigenti scolastici entro il 12 agosto. Peccato che al 10 agosto ancora tutte le nomine non sono state effettuate e che i nominativi di parecchi candidati che hanno accettato la proposta di assunzione non sono stati caricati nel Sidi che ad oggi è chiuso per gli stessi uffici scolastici regionali.

Il commento di Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal, è che “Ora delle due l’una o il Miur riapra il sistema informatico o le nomine saranno fatte al buio al di là di quello che la legge avrebbe voluto per potenziare l’offerta formativa adeguando domanda e offerta. Sempre che dagli uffici scolastici regionali sappiano chi chiamare”.

 

 

Per Approfondimenti:

 

Tempo Scuola: nuovi tagli. Fedeli autorizza altre 100 scuole a sperimentare la maturità delle superiori dopo quattro anni 

Mobilità: l’algoritmo impazzito costa caro al Miur, il Consiglio di Stato commissaria il Ministero e lo condanna per inadempienza 

Entra di ruolo a 69 anni dopo una vita da precaria ma a 70 anni sarà licenziata senza pensione 

Contratto: a settembre primi incontri coi sindacati con Atto di indirizzo del Miur 

Mobilità: ancora vittorie Anief sul servizio svolto nelle paritarie 

Immissioni in ruolo nel caos. Anief raccoglie denunce per cattiva gestione di graduatorie concorsuali e ad esaurimento

Rinnovo statali, aumenti graduali dal 2017 di 60 euro netti: ne servivano 300. Così lo Stato ha risparmiato 70 miliardi di euro mal pagando i dipendenti pubblici

Il Governo diventa 'Robin Hood', ma i lavoratori della Scuola non risalgono la china: cosa cambia ad un bidello con 30 euro in più se il suo stipendio è di 1.008 euro?

P.A. e SCUOLA - Rinnovo contratto, i sindacati si apprestano a firmare ma i lavoratori non ridono

Fedeli auspica aumenti per i docenti. Anief: fa bene, servono 210 euro netti per ognuno

P.A. e SCUOLA – Contratto, i sindacati alzano la testa: no alle condizioni capestro del Governo

Rinnovo contratto, Madia: atto d’indirizzo entro l’estate per 56 euro netti. Per Anief non ci sono le condizioni

P.A. e SCUOLA – Riforma statali, c’è poco da ridere: stanziate un quarto delle risorse utili a un rinnovo del contratto equo, permane l’abuso di precariato

Fedeli rassicura sui tempi, ma i lavoratori chiedono garanzie sugli aumenti: dopo quasi 10 anni d’attesa non possono bastare 56 euro in più

Contratto, l’8 giugno parta la trattativa per il rinnovo della vergogna: 85 euro lordi ora pure in bilico

Contratto, domani al via incontri all’Aran: c’è l’accordo per la firma a giugno, ogni lavoratore perderà in media 6.600 euro per il triennio 2015/18

Contratto triennio 2015/18, Fedeli convoca i sindacati il 14 giugno: Anief e Udir chiedono di non firmare il rinnovo senza il recupero dell’inflazione

Fedeli vuole valorizzare i docenti con un acconto e cambiare la riforma Renzi solo per la scuola media. Anief: soluzioni di facciata

 

Rinnovo del contratto, convocate all’Aran le Confederazioni sindacali. Anief: tutto inutile se non si rimettono gli stipendi a livello dell’inflazione

Avviata la trattativa all’Aran. Marcello Pacifico (Cisal-Confedir): i dipendenti pubblici non sono figli di un dio minore

Docenti sottopagati, la Ministra è d’accordo col sindacato: ma ora lo scriva nell’Atto di indirizzo del rinnovo contrattuale

Docenti sottopagati, la Ministra è d’accordo col sindacato: ma ora lo scriva nell’Atto di indirizzo del rinnovo contrattuale

RINNOVO CONTRATTO P.A.– Mancano soldi per gli aumenti e il Governo riesuma Robin Hood nella foresta di Sherwood

Ocse: stipendi docenti a picco. Anief: basta palliativi, servono aumenti veri

Professione docente, malgrado tutto rimane le più ambita: in 700mila fanno domanda per le graduatorie d’istituto ed è boom di ricorsi

In Italia fare il docente non conviene: malpagato e ad alto rischio di incorrere in malattie professionali

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie