italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

380x180 DECRETO MILLEPROROGHE ANIEF

In primo piano

 

Con l'ordinanza del Consiglio di Stato di remissione alla Consulta si riapre un nuovo caso di docenti passibili di licenziamento dopo la sentenza della Plenaria di fine dicembre. Anche per i docenti della secondaria permane il problema della supplentite, per via dell'esclusione dal piano straordinario di reclutamento voluto dalla Buona Scuola e del mancato inserimento nelle GaE. Secondo il giovane sindacato, bisogna tornare al doppio canale di reclutamento con lo scorrimento delle GaE aperte a tutto il personale abilitato e delle graduatorie di merito concorsuali. Ad ogni modo, come per infanzia e primaria, l'ufficio legale Anief ritiene che chiunque superi l'anno di prova, anche nella secondaria, abbia diritto alla conferma nei ruoli dello Stato.

 

 

Iscrivendoti entro il 30 settembre ad un Master o ad un Corso di perfezionamento annuale potrai concluderlo entro i termini dell’aggiornamento delle graduatorie di mobilità ed acquisire il punto che potrebbe essere fondamentale per ottenere il trasferimento. Eurosofia ti aiuta ad arricchire le tue competenze; infatti, scegliendo un corso post laurea Pegaso, avrai diritto ad uno sconto speciale del 20% per l’acquisto dei corsi di aggiornamento professionale dell’offerta formativa Eurosofia e potrai usufruirne appena sarà accreditato sulla Carta del docente il nuovo buono da 500 per l’autoformazione.

 

 

I sindacalisti Marcello Pacifico e Piero Bernocchi invitano i parlamentari a rivedere il sistema di reclutamento scolastico con la riapertura delle GaE a tutto il personale insegnante abilitato, a garantire la parità di trattamento tra lavoratori precari e di ruolo docenti e Ata, a superare la supplentite cronica, a cambiare le regole sulla mobilità e a garantire il potere d'acquisto degli stipendi. Consulta la piattaforma.

 

 

Secondo Marco Bussetti il precariato scolastico c’è sempre stato: è come se fosse un tratto tipico dell’istruzione italiana. Replica del presidente del giovane sindacato: la presenza dei supplenti non deve essere più fisiologica perché è deleteria. I precari devono essere stabilizzati e subito per non incorrere nei risarcimenti. Al Miur vogliono un sistema di reclutamento semplificato: si riaprano le GaE e si bandiscano i concorsi ordinari, ma si assuma su tutti i posti vacanti e disponibili in organico di fatto. Da domani, la Camera ha la possibilità di ottenere il cambiamento del passo falso commesso con la Buona Scuola, quando i docenti furono assunti su posti inventati in regioni non scelte.

 

 

Sono 3 milioni e mezzo gli studenti che hanno abbandonato i banchi negli ultimi 20 anni: lo dice il Focus realizzato da Tuttoscuola e pubblicato oggi dall’Espresso, dal quale si evince che tale inefficacia è costata pure 55 miliardi di euro. Il dramma si completa negli atenei: tra chi si diploma e si iscrive all’università solo uno su due ce la fa. Alla fine della fiera, su 100 studenti iscritti alle superiori se ne laureano appena 18. Per il sindacato servono subito tempo pieno e prolungato, organici differenziati per territorio, continuità didattica attraverso l'assorbimento del precariato con la riapertura delle GaE, innalzamento dell'obbligo scolastico a 18 anni: anche per questi motivi, Anief conferma lo sciopero di martedì con sit-in davanti al Parlamento.

 

 

Secondo Bussetti, i ragazzi devono sapere perfettamente che cosa fare in caso di incidente, terremoto, incendio, calamità naturale. Udir ricorda che negli istituti tecnici e professionali, dove le lezioni si svolgono anche nei laboratori, gli studenti sono già soggetti ad obbligo formativo organizzato dal datore di lavoro. Come gli allievi del triennio finale delle superiori, impegnati nell’alternanza scuola-lavoro, di fatto equiparati ai dipendenti. Per il sindacato, questo genere di attenzione deve andare di pari passo all’impegno per dotare gli istituti di edifici sicuri: invece, la maggior parte dei 42mila plessi scolastici non risulta a norma. Lo sanno bene i dirigenti scolastici che in questi primi giorni di scuola sono alle prese con le certificazioni sulla sicurezza da aggiornare: è lunga la lista degli obblighi da adempiere e dei passaggi da attuare per evitare di pagare per colpe non proprie.

 

 

ROMA, 8 SET - Sciopero indetto per l'11 settembre dal sindacato Anief che ha organizzato un sit-in a Roma, presso Piazza del Parlamento dalle 9 alle 14. "Vogliamo perorare la riapertura delle GaE, le Graduatorie ad esaurimento, nel giorno in cui inizia l'esame in Aula a partire dalle ore 11 del Milleproroghe e dei nuovi emendamenti salva-precari", spiega il leader dell'Anief, Marcello Pacifico. (ANSA).

 

La protesta proclamata dal giovane sindacato, nel giorno di avvio dell'esame nell’Aula della Camera dei nuovi emendamenti salva-precari inseriti nel decreto Milleproroghe, intende anche sensibilizzare i deputati ad opporsi alla nuova proposta del Ministro Bussetti sul vincolo quinquennale legato alla residenza lavorativa per gli insegnanti neo-assunti: servono, invece, regole più semplici e favorevoli al ricongiungimento familiare nel nuovo contratto triennale sulla mobilità. A partire dal riavvicinamento immediato di migliaia di docenti costretti dal Governo Renzi ad accettare l’immissione in ruolo a centinaia di chilometri da casa.

 

 

 

Secondo le attuali regole, il dirigente scolastico doveva pubblicare all'albo la circolare entro venerdì 7. Ad ogni modo, si ricorda come non sia necessario né obbligatorio comunicare la propria adesione all'astensione del servizio e come, anche in assenza di comunicazione da parte della scuola, si abbia diritto a scioperare nel giorno indicato dal sindacato, quando è stato organizzato un sit-in presso Piazza del Parlamento dalle 9 alle 14, per perorare anche la riapertura delle GaE nel giorno in cui inizia l'esame in Aula (a partire dalle ore 11) del Milleproroghe e dei nuovi emendamenti salva-precari. 

 

La carenza di docenti si fa sentire in tutte le regioni: in quella piemontese preoccupa il primo ciclo, per il quale le nomine dei supplenti registrano moltissimi assenti, forse scoraggiati dalla prospettiva della cancellazione dalle GaE decisa a sorpresa a dicembre dal Consiglio di Stato. Si tratta della stessa sentenza che nel corso dell’anno scolastico rischia di far licenziare un alto numero di docenti, sia su posto comune che su sostegno. Il presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico, promette: il sindacato tenterà fino all’ultimo di convincere gli onorevoli parlamentari che l’emendamento al decreto Milleproroghe apri-GaE non può essere soppresso. Lo sciopero di martedì prossimo, con manifestazione contestuale davanti al Parlamento, servirà proprio a ricordare che i precari non possono continuare ad essere usati e gettati all’occorrenza.

 

 

Acquisisci nuove competenze tecnico pratiche nell’ambito della Didattica inclusiva e attività musicale: l’esperienza musicale consente la scoperta di meccanismi metacognitivi molto potenti e in grado di rendere più versatile il sistema cognitivo in età evolutiva. La Musicopedia è una metodica inedita e si pone come strumento identificativo della padronanza comportamentale per i parametri fondamentali del linguaggio musicale: il suono e il ritmo. Iscriviti ora: https://www.eurosofia.it/mod/page/view.php?id=8113

Nell’ottica di migliorare l’inclusività dei soggetti con disturbi di apprendimento, la musicopedia si individua quale paradigma d’indagine per migliorare i processi fonologici del linguaggio. Da settembre 2018 ricomincerà il ciclo di incontri, su tutto il territorio nazionale, con il Prof. Mauro Montanari che, attraverso due giornate intensive di formazione e attività laboratoriali, consentirà la sperimentazione di una metodica innovativa e con risultati sorprendenti. Le prime sessioni formative si svolgeranno a Roma il 29 e 30 settembre e a Milano il 13 e 14 ottobre 2018. Durante il corso saranno illustrate le dinamiche metacognitive in relazione alla lettura musicale e alle prassi esecutive, sottoponendo lo spartito e lo strumento musicale ad una revisione critica e funzionale.

Il Corso di Formazione dal titolo “MUSICOPEDIA, PRATICA E LETTURA MUSICALE NELL’ALLIEVO CON DSA” si svolge interamente in presenza, in due giornate.   

Fino al 31 agosto 2018 non si avevano riferimenti certi in merito agli importi rimasti inutilizzate hanno saputo con certezza quale fosse il destino delle cifre residue.

Come regolamentato dalla normativa vigente, (DPCM 28 novembre 2016) il bonus 500 euro, erogato annualmente ai docenti di ruolo delle scuole statali, ha una durata biennale. Le somme devono, pertanto essere utilizzate entro il 31 agosto dell’anno scolastico successivo a quello in cui sono state erogate.

Tuttavia, già nel mese di giugno c’era stata la rassicurazione da parte del Ministero di poter spendere le somme anche in seguito.

Individua anticipatamente gli ambiti formativi nei quali acquisire nuove competenze e scegli i corsi di qualità di Eurosofia: https://www.eurosofia.it/mod/page/view.php?id=8850

Dal 1° settembre le funzionalità della carta docente sono state sospese.  Messaggio Miur

Sul sito http://cartadeldocente.istruzione.it è stato pubblicato, a conferma di quanto detto precedentemente il seguente messaggio:

Si segnala che i portafogli dei docenti già registrati verranno momentaneamente disattivati e gli importi dei buoni prenotati e non spesi verranno annullati d’ufficio ed attribuiti al residuo dell’anno scolastico 2016/2017 e 2017/2018

La Carta del docente è uno degli argomenti all’ordine del giorno dell’incontro Miur sindacati di oggi.

il Governo interverrà sulla questione del bonus con un emendamento al Milleproroghe che sarà in Aula dall’11 settembre. Si suppone che la possibilità di utilizzare le risorse inutilizzate relative al primo bonus erogato, sia prorogata al 31 dicembre 2018.

Prosegue l’azione informativa e formativa per contrastare la dipendenza tecnologica ed i fenomeni di bullismo e cyberbullismo. Vuoi acquisire nuove abilità e competenze specifiche nel campo delle dipendenze tecnologiche e cyberbullismo ed utilizzare un innovativo modello terapeutico ed efficaci strumenti di prevenzione? “Corso di alta formazione sulle dipendenze tecnologiche” di Eurosofia e l’associazione “Di te” si terrà a Spinea (Ve) 21-22 settembre/ 12-13 ottobre. Iscriviti subito:https://www.eurosofia.it/mod/page/view.php?id=8294

 

Eurosofia, ente accreditato dal MIUR per l’erogazione della formazione del personale scolastico ai sensi della direttiva 170/2016,  in collaborazione con l’Associazione nazionale Dipendenze tecnologiche, Gap e Cyberbullismo  “Di-te”, organizzano, a Spinea (Ve) un corso di formazione intensivo di 4 giorni (suddivisi in due weekend),  rivolto ai docenti, psicologi e pedagogisti. Il corso si svolgerà a SPINEA (VE) a LA VILLA INCANTATA, via Crea 50.  È necessario perfezionare l’iscrizione entro il 18 settembre 2018; il corso è a numero chiuso.

Tre giornate intensive con professionisti di altissimo livello per affrontare i differenti aspetti e le implicazioni psicologiche e sociali legate all’utilizzo dei nuovi strumenti di comunicazione. Durante gli incontri saranno affrontate tematiche e i diversi aspetti afferenti alle nuove addiction che si insinuano lentamente sotto forma di abitudini reiterate e saranno fornite indicazioni per la prevenzione, il contrasto, e protocolli strutturati da psicologi esperti. I prestigiosi docenti del corso sono: Dott.ssa Roberta Bruzzone, il Dott. Giuseppe Lavenia, il Prof. Emanuele Frontoni ed il Dott. Alberto Pellai.

Il corso costituisce un’Importante occasione di confronto e di scambio per chi ha scelto di formarsi su questo argomento sul quale si sta ponendo particolare attenzione, dopo spiacevoli episodi di cronaca che si sono susseguiti negli ultimi anni. È appurato che l’utilizzo scriteriato e non mediato degli strumenti tecnologici provoca dipendenze e forme di emarginazione molto pericolose.

La Rete sembra aver avviato una sorta di "democratizzazione" sia del crimine sia delle motivazioni per cui viene commesso. E, spesso, come nel caso di situazioni gravi in cui sono coinvolti minori, essa da una parte sembra essere un meraviglioso antidoto alla solitudine, dall’altra nasconde, annullando la percezione della realtà nella creazione di un mondo virtuale dove tutto è possibile, fino alla dipendenza, fino alla tragedia. Per ovviare a ciò, è necessaria un’educazione emotiva ed una fruizione moderata; tra gli argomenti in programma sarà affrontato con particolare attenzione il bullismo giovanile. La scuola non deve occuparsi soltanto dell’istruzione ma anche della tutela psicologica e morale dei giovani. Intervenire tempestivamente, con l’ausilio di figure professionali esperte, può risolvere i conflitti ed il disagio in modo indelebile, senza troppe implicazioni psicologiche ed emotive.

Un docente che crea un rapporto di fiducia con i suoi allievi è in grado di intercettare e prevenire tali fenomeni, coinvolgendo nei casi in cui fosse necessario anche le famiglie, con l’ausilio di figure specializzate. Intervenire tempestivamente può davvero fare la differenza e salvare un alunno da traumi che possono lasciare il segno o in casi estremi anche portare al suicidio. Èfondamentale contrastare la violenza ed il #bullismo negli istituti scolastici: la prevenzione passa attraverso un’adeguata educazione emotiva e l’insegnamento di valori fin dalla prima infanzia.

Il Decreto Dignità prevede l’istituzione di un concorso specificatamente rivolto alle classi di concorso di infanzia e primaria. Tale concorso non sarà selettivo; il punteggio è composto da 70 punti per i titoli e 30 per la prova orale di natura didattico-metodologica. Tra i titoli valutabili ci sono il superamento di concorsi precedenti e altre abilitazioni di livello universitario. Non sarà assegnato nessun punteggio aggiuntivo ai docenti già assunti in ruolo.

Invia la tua preadesione al seguente link: https://www.eurosofia.it/mod/page/view.php?id=8885

Si stima siano circa 12 mila i posti messi a bando. Per quanto riguarda l’indizione del reclutamento, la procedura riguarderà tutte le regioni. Qualora il decreto fosse approvato senza modifiche, il concorso straordinario sarà articolato in una prova orale di natura didattico-metodologica e nella valutazione dei titoli. Il concorso straordinario è rivolto ai docenti della scuola dell’infanzia e primaria ed è riservato ai diplomati magistrale entro l’a.s. 2001/02 e ai laureati in Scienze della Formazione Primaria. Per partecipare sono necessari i seguenti requisiti: abilitazione all’insegnamento conseguita tramite corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia, e diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02 o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia; aver svolto, nel corso degli ultimi otto anni almeno due annualità di servizio specifico, anche non continuative, su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni scolastiche statali.

La partecipazione al concorso straordinario relativamente ai posti di sostegno è consentita a coloro i quali siano in possesso dei succitati requisiti più il titolo di specializzazione.

Eurosofia ti offre l’opportunità di affrontare le prove orali del concorso straordinario con gli strumenti e le competenze più efficaci. Ti supporta nella tua preparazione attraverso un corso mirato ed intensivo che fornisce ai candidati gli strumenti adeguati per affrontare l’esame con sicurezza. Il percorso prevede approfondimenti di carattere pedagogico-didattico-metodologico, nonché aspetti giuridici rilevanti per la formazione professionale del docente.

La metodologia scelta da Eurosofia prevede l’affiancamento della modalità e-learning che il corsista gestirà in totale autonomia, senza vincoli di orari e sulla nostra piattaforma online intuitiva e costantemente aggiornata e dei webinar di supporto, durante i quali si potrà interagire con un formatore attraverso una chat condivisa. Nei webinar si affronteranno i temi teorico-metodologici generali relativi alla didattica e verranno fornite le linee guida per sostenere in maniera corretta e strutturata il colloquio.

Per informazioni chiama i numeri 091 7098311/357 - 3928825358, oppure invia un’email a   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie