contatti

La stampa scrive

Tuttoscuola: Raffica di richieste dell’Anief nell’audizione alla Camera

Presso la VII Commissione permanente della Camera hanno partecipato all’audizione sul decreto legge n. 70/2011 anche i sindacati che organizzano il personale precario della scuola.

L’Anief, che si sta sempre più costituendo come momento di aggregazione e rappresentanza dei precari della scuola con posizioni fortemente critiche verso i sindacati rappresentativi, è intervenuta sui temi caldi della retrodatazione giuridica delle nomine, della stabilizzazione, dell’inserimento degli abilitati nelle graduatorie ad esaurimento, dei laureandi e specializzandi, della richiesta di doppia provincia, dell’assegnazione provvisoria e dei presidi incaricati e ricercatori.

L’Anief preliminarmente ha denunciato come terroristico il tentativo di intimidire i precari nel diffondere notizie senza alcuna consistenza reale in merito a eventuali punteggi aggiuntivi che potrebbero essere dati in corso d’opera a chi non ha cambiato provincia.

Nel merito degli emendamenti al decreto legge l’Associazione ha richiesto, tra l’altro, la stabilizzazione su tutti i posti vacanti e disponibili che dovrebbe riguardare subito un primo scaglione di 108.000 unità, e l’emanazione di un decreto integrativo che consenta a tutto il personale abilitato l’inserimento o il reinserimento nelle graduatorie ad esaurimento.

L’Anief ha espresso una valutazione negativa sulla disposizione contenuta nel decreto legge che esclude i neo-immessi in ruolo dai trasferimenti provinciali per un quinquennio e ha chiesto, comunque, il diritto all’assegnazione provvisoria, almeno, per i neo-immessi in ruolo anche in presenza del blocco quinquennale perché il diritto alla mobilità dei lavoratori è costituzionalmente protetto come quello alla tutela della famiglia.

L’Associazione ha chiesto anche per tutti i precari inseriti in terza fascia, la scelta di una seconda provincia per consentire bene la valutazione della provincia dove prestare servizio e quella dove richiedere il ruolo.

Fonte: Tuttoscuola

Vai all'articolo on line