Il Ministro Bussetti, durante l’audizione davanti alle Commissioni 7ª della Camera e del Senato, parla di superamento del problema delle reggenze affidando la soluzione al concorso per diventare dirigente scolastico: ma quali saranno i tempi per la felice conclusione del concorso? Un anno sicuramente prima della messa in ruolo, salvo ricorsi che potrebbero allungare i tempi anche di tre anni. In questo caso i dirigenti attuali avrebbero ancora un carico operativo per almeno un anno, se non di più. 

Marcello Pacifico (presidente Udir): Considerando che le reggenze scolastiche non garantiscono una funzionale organizzazione del servizio sia in termini di qualità sia in termini di efficienza organizzativa, la permanenza volontaria in servizio al 31 agosto 2019 dei dirigenti scolastici collocati in pensione dal 1° settembre 2018 garantirebbe la continuità alle istituzioni scolastiche, con un successivo passaggio quasi naturale ai nuovi presidi vincitori di concorso da espletarsi il 1° settembre 2019.

 

 

Come ha riportato Orizzonte Scuola, ieri il Ministro dell’Istruzione, dell'Università e della Ricerca Marco Bussetti, durante l’audizione davanti alle Commissioni 7ª della Camera e del Senato, si è espresso anche sui DS: ha parlato del corso-concorso per diventare dirigente scolastico e del superamento del problema delle reggenze.

Il Ministro ha affrontato la problematica soffermandosi sul fatto che “1.700 dirigenti sono reggenti di una o più scuole, a tutto discapito della qualità della gestione dei singoli Istituti, la cui organizzazione diviene tutti i giorni più complessa” affermando anche che la situazione migliorerà grazie al nuovo concorso “che si svolgerà nelle prossime settimane” e che dovrebbe riportare “alla normalità i carichi di lavoro” dei dirigenti “ già in servizio“ che svolgono il duplice lavoro nella scuola di titolarità e in quella affidata in reggenza.

Bussetti dunque si esprime sul superamento del problema delle reggenze e affida la soluzione al concorso, ma ci chiediamo: quali saranno le tempistiche per la felice conclusione dell’iter concorsuale? Un anno sicuramente prima della messa in ruolo, salvo ricorsi che potrebbero allungare i tempi anche di tre anni. In questo caso i dirigenti attuali avrebbero ancora un carico operativo per almeno un anno, se non di più. Inoltre, con l’inizio del prossimo anno scolastico, a seguito dei pensionamenti, volontari e d’ufficio, che si concretizzeranno in questi mesi, saranno oltre 2 mila le scuole prive del loro capo d’istituto e che quindi andranno in reggenza.

Il punto è: Udir ha già segnalato, più volte, la soluzione al problema delle reggenze è a chiesto, a gran voce, almeno di mantenere in servizio i dirigenti ancora per un anno o quantomeno in attesa del nuovo concorso. Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, afferma appunto che “il sindacato ha non solo anticipato i tempi, ma ha correttamente definito il problema individuando una risoluzione, seppure temporanea, ma con un significativo risparmio per le finanze pubbliche, ma anche di semplice ed efficace realizzazione. Considerando che le reggenze scolastiche non garantiscono una funzionale organizzazione del servizio sia in termini di qualità sia in termini di efficienza organizzativa, la permanenza volontaria in servizio al 31 agosto 2019 dei dirigenti scolastici collocati in pensione dal 1° settembre 2018 garantirebbe pertanto continuità alle istituzioni scolastiche, con un successivo passaggio quasi naturale ai nuovi presidi vincitori di concorso da espletarsi il 1° settembre 2019”.

Udir ritiene che chi vuole affrontare davvero il “problema” reggenze debba intervenire con urgenza e non contare sempre sulle già oberate e stanche spalle dei dirigenti: se si vuole dimostrare di aver capito i problemi della scuola occorre predisporre interventi di medio e lungo periodo, ma soprattutto di breve, urgenti, per permettere una serena attività lavorativa del personale scuola,

Solo da quando Udir ha iniziato a rappresentare con forza e in tutte le sedi, anche legali, il disagio della dirigenza scolastica le cose si stanno muovendo, ma i tempi sono ancora troppo lenti e uno Stato moderno deve viaggiare con tempistiche correnti, perché la velocità con cui cambia la società è infinitamente più alta di quella della pubblica amministrazione. Se si continua su questa strada, purtroppo, si accumuleranno ritardi, sempre più incolmabili.

 

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

Pacifico (Udir) chiede al parlamento d’intervenire con urgenza sul pensionamento dei dirigenti e sul conseguente problema delle reggenze 

Sicurezza nelle scuole e responsabilità dei dirigenti scolastici, l'Associazione ‘Modifica81’ scrive al ministro Bussetti

Sicurezza, ancora un preside condannato ma ora il Governo apre alle richieste del sindacato

A settembre oltre 2 mila istituti senza presidi. Udir: serve la proroga di un anno dei pensionamenti

Dirigenti scolastici, in 2mila scrivono alla Ministra: basta parole, abbiamo responsabilità crescenti e lo stipendio che si riduce

Dirigenti scolastici, solo a parole si vuole ridurre il gap rispetto agli altri comparti: dalla Legge di Stabilità in arrivo appena mille euro in più rispetto ai 13mila dovuti nel contratto e mai stanziati

Presidi, il gap rispetto ai dirigenti di Università e Ricerca è di 38mila euro annui e la Legge di Bilancio non li colma: servono 285 milioni di euro

Dirigenti scolastici, l’equiparazione degli stipendi agli altri lavoratori della stessa area è solo di facciata

Dirigenti scolastici, retribuzione individuale: per il giudice ai fini dell’anzianità vale pure il servizio maturato da docenti

Dirigenti scolastici, ma quale aumento di 400 euro netti al mese? Sono appena 160 e pure a rate

Dirigenti scolastici, la pazienza è finita: arrivano i ricorsi contro il taglio del Fun, cosa andiamo a chiedere al giudice

LEGGE DI STABILITÀ - Udir presenta in Senato emendamenti su perequazione interna ed esterna, sicurezza, ripristino e aumento Fun

LEGGE DI STABILITÀ – Dirigenti scolastici, Udir chiede al Senato di affrontare il nodo degli stipendi

RINNOVO CONTRATTO P.A. - Udir: ridotti alla miseria dirigenti statali della Scuola, Comuni, Regioni e medici

LEGGE DI STABILITÀ - Udir: ultimo appello ai deputati prima dell'apertura dei ricorsi sulla perequazione esterna

LEGGE DI STABILITÀ - Sicurezza scuole, tutto rimane come prima: i presidi saranno costretti a chiuderle

Cassazione: pure gli istituti non a norma in zone a basso rischio sismico vanno chiusi dai presidi. Appello Udir-Confedir ai dirigenti scolastici: non assumete più responsabilità sulla vostra pelle

Sicurezza, per lo Stato il tempo delle proroghe agli obblighi di prevenzione incendi è scaduto: le scuole senza certificazione vanno chiuse

Sicurezza, i dirigenti scolastici non dormono sonni tranquilli: troppi rischi sullo stato degli edifici, bisogna scrivere a Comuni e Province

Sicurezza, cambiano le norme antincendio ma i rischi rimangono alti e i dirigenti scolastici i capri espiatori

Sicurezza, gli alunni come i lavoratori: devono seguire i corsi di formazione organizzati dai dirigenti

SCUOLE INSICURE – Crolli ad Eboli e Fermo, inquietante silenzio sulle tragedie sfiorate: tanto poi la colpa è dei presidi

Dirigenti scolastici, si aprono le trattative all’Aran per la nuova area dell’istruzione e della ricerca: se ne parla domani a Palermo nel corso di un convegno nazionale Udir

Prevenzione incendi, è allarme per migliaia di istituti non a norma. Appello Udir ai presidi: tutelatevi diffidando Comuni o Province

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie