Lo ha detto stamane, in diretta radiofonica, Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, nel corso del Gr1 Economia, rispondendo ad alcune domande sul ‘decreto dignità ed il tema dei diplomati’: solo uno su cinque avrà il contratto annuale fino al 30 giugno 2019, mentre gli altri, in 43 mila si dovranno accontentare delle supplenze brevi. Per questo motivo il sindacato è contrario. Inoltre, chi ha insegnato due anni e ha superato l’anno di prova con riserva doveva essere confermato nel ruolo. E ciò non è avvenuto. Quanto è stato deciso e approvato lunedì in via definitiva a Palazzo Madama” è tutt’altro che dignitoso, ha continuato il sindacalista, perché “non porta alcuna soluzione per i 50 mila diplomati magistrale che hanno un diploma e che presto saranno pure licenziati. In seimila, certo, avranno la proroga di un anno, poi si andrà verso concorsi non selettivi che però non portano a nulla”. Anche a seguito delle continue richieste del sindacato, “siamo riusciti in extremis a far correggere, col Milleproroghe dall’Aula del Senato, le storture introdotte nella parte della scuola del decreto Dignità”. Bisognava solo “permettere ai docenti con un’abilitazione di entrare all’interno del doppio sistema di reclutamento da cui si attinge per il 50% da concorso e per il 50% dalle graduatorie ad esaurimento. Ecco perché è importante che a settembre” venga confermato il provvedimento salva-precari approvato venerdì scorso a Palazzo Madama “anche nel passaggio alla Camera: in questo modo, per la terza volta il parlamento riaprirà le graduatorie ad esaurimento e a settembre-ottobre potremmo così assumere tutti quei mastri dei 60 mila che non saranno altrimenti mai assunti”. Se non sarà così continueremo ad avere “gli abilitati ma non nel posto giusto per essere reclutati”.

Ascolta l’intervento completo del professor Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, nel corso del Gr1 Economia su “Il decreto dignità ed il tema dei diplomati”: cliccare qui

 

 

“Con le decisioni prese sui precari della scuola con il decreto Dignità, il problema dei maestri con diploma magistrale è tutt’altro che risolto. Perché solo uno su cinque avrà il contratto annuale fino al 30 giugno 2019, mentre gli altri, in 43 mila, si dovranno accontentare delle supplenze brevi. Per questo motivo il sindacato è contrario. Inoltre, chi ha insegnato due anni e ha superato l’anno di prova con riserva doveva essere confermato nel ruolo. E ciò non è avvenuto”. A dirlo oggi, in diretta radiofonica su Rai Radio Uno, è stato Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, nel corso del Gr1 Economia, rispondendo ad alcune domande sul “decreto dignità ed il tema dei diplomati”.

“Quanto è stato deciso e approvato lunedì in via definitiva a Palazzo Madama” è tutt’altro che dignitoso - ha continuato il sindacalista - perché non porta alcuna soluzione per i 50 mila diplomati magistrale che hanno un diploma e che presto saranno pure licenziati. In seimila, certo, avranno la proroga di un anno, poi si andrà verso concorsi non selettivi che però non portano a nulla”. Anche a seguito delle continue richieste del sindacato, ha ricordato Pacifico, “siamo riusciti in extremis a far correggere, con il Milleproroghe dall’Aula del Senato, le storture introdotte nella parte della scuola del decreto Dignità”.

Il leader dell’Anief ha quindi detto che per risolvere una volta per tutte questo problema endemico della scuola pubblica italiana, che ogni anno costringe l’amministrazione ad assegnare a supplenza annuale un posto ogni sette, bisognava solo “permettere ai docenti con un’abilitazione di entrare all’interno del doppio sistema di reclutamento da cui si attinge per il 50% da concorso e per il 50% dalle graduatorie ad esaurimento. Ecco perché è importante che a settembre” venga confermato il provvedimento salva-precari approvato venerdì scorso a Palazzo Madama “anche nel passaggio alla Camera: in questo modo, per la terza volta il parlamento riaprirà le graduatorie ad esaurimento e a settembre-ottobre potremmo così assumere tutti quei mastri dei 60 mila che non saranno altrimenti mai assunti”.

Diversamente, continueremo ad avere “gli abilitati ma non nel posto giusto per essere reclutati”. Ed è per questo motivo che l’Anief ha organizzato uno sciopero nazionale, con manifestazione, al fine di sensibilizzare i parlamentari a votare nel verso giusto. Inoltre, a proposito delle 57 mila assunzioni di nuovi insegnanti, il sindacalista ha ricordato che si tratta di numeri al ribasso e di immissioni in ruolo “solo sulla carta”, perché molte potrebbero non attuarsi sempre per l’ottusa chiusura delle GaE, visto che i candidati con abilitazione ci sono ma vengono lasciati nelle graduatorie d’istituto.

Sollecitato a proposito di un giudizio sul decreto Dignità, Pacifico ha detto che “la mancata soluzione al problema dei precari licenziati non può che farci esprimere un giudizio negativo sul decreto; è invece positivo per la questione dei 36 mesi dopo i quali si può fare supplenza: perché l’Europa si ascolta approvando norme che portano alla stabilizzazione. Quella che arriverà per migliaia di docenti con l’emendamento approvato dal Senato nel Milleproroghe. Per questo, si attende settembre con tanta speranza”, ha concluso il sindacalista autonomo.

 

Ascolta l’intervento completo del professor Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, nel corso del Gr1 Economia su “Il decreto dignità ed il tema dei diplomati”: cliccare qui.

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

Diplomati magistrale, Anief: il Parlamento prenda atto che il reclutamento transitorio sta fallendo

Precariato cronico, ridicola risposta dello Stato italiano all’ammissibilità del reclamo 146/17 presentato da Anief al Consiglio d’Europa

Precariato, Miur bocciato: flebile risposta alla memoria Anief contro l’inerzia dello Stato

Precariato mai sconfitto: coi nuovi organici a settembre tornano 100mila supplenze annuali. Anief: fase transitoria Fit e piano straordinario Buona Scuola sono stati un fallimento totale

Nuovo concorso docenti abilitati, per accedere a Formazione e tirocinio verranno cancellati da tutte le altre graduatorie: Anief ricorre al Tar

Supplenti a vita, il Miur precarizza i precari: per partecipare al terzo anno di formazione iniziale e tirocinio li estromette da tutte le graduatorie

I numeri dell’inefficienza: in 15 anni bruciati 35mila posti ma ci sono ancora 145 mila docenti e Ata precari chiamati a fare i supplenti di lunga durata

In arrivo un’altra spending review, l’eredità del Governo PD metterà in ginocchio la scuola

Incaricato Cottarelli, per Anief potrebbe essere l’uomo giusto per assumere tutti i precari storici: sa bene che allo Stato mantenerli supplenti costa di più

Carlo Cottarelli riapra le GaE alla prima riunione della presidenza del Consiglio dei ministri

Risoluzione Parlamento UE sui precari: subito norme per assumerli, risarcimenti adeguati e pari retribuzione. Anief: basta traccheggiare, l’Italia si adegui

Diplomati magistrali, la resa dei conti: tutti in GaE oppure risarcimenti milionari

Precari sfruttati, maxi risarcimento a Bologna: il Miur condannato a dare 100mila euro a tre docenti

Finiscono le lezioni, ora inizia il contenzioso: tutti i docenti precari hanno diritto allo stipendio di luglio e agosto

Diplomati magistrale, precariato e organici, Anief chiede un incontro urgente al Ministro Bussetti: senza un decreto urgente il nuovo anno è a rischio regolarità

Diplomati magistrali, a 6 mesi dalla sentenza del Consiglio di Stato gli altri sindacati si svegliano e presentano proposte senza capo né coda

Diplomati Magistrale, Governo e Miur in religioso silenzio: Anief rompe gli indugi avviando il ricorso gratuito per rimettere alla Corte di Giustizia Europea l’esclusione dalle GaE

Precariato, aggiornamento annuale delle graduatorie precluso a tantissimi docenti abilitati, Anief: sulle GaE il Miur continua a sbagliare, impugnato il D.M. 506/2018

Precariato, ddl sen. Mario Pittoni per stabilizzare i precari dopo 36 mesi di supplenze. Anief: bene, ma serve un decreto multiplo

Al vaglio di Palazzo Chigi il decreto sulle maestre con diploma magistrale. Altolà Anief: se vengono tirate via della GaE scatterà un maxi-ricorso

Diplomati magistrale, Bussetti: le sentenze vanno rispettate. Anief: senza eccezioni, pure quelle UE

Diplomati magistrale espulsi dalle GaE, l’Italia dovrà risponderne a Bruxelles: il Consiglio d’Europa dichiara ammissibile il reclamo collettivo Anief

Precari, per la Lega hanno diritto agli scatti di anzianità. Esulta Anief: soluzione subito nel Decreto Dignità

Scatti di anzianità a docenti e Ata precari, la Commissione Cultura della Camera a settembre dovrà decidere

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie