contatti

La stampa scrive

Tuttoscuola: Concorso per dirigente scolastico. Quelli dello stellone

Oltre 4mila dei 42.158 candidati che hanno presentato domanda di partecipazione al concorso ordinario per dirigente scolastico risultano privi dei richiesti requisti di servizio o di titolo per l'ammissione.

Si tratta di 4.114 persone che, nella quasi totalità dei casi, ci "provano". Qualche decina di candidati è forse in buona fede o può avere compilato con qualche irregolarità il modulo di ammissione, ma almeno 4mila candidati, sparsi in tutta Italia (più al nord che al Sud) tentano comunque l'ammissione, contando sul solito stellone all'italiana per ottenere prima l'ammissione con riserva e poi, superate le prove, strappare al parlamento qualche sanatoria trasversale per ratificare il ruolo.

Purtroppo è sempre avvenuto così, nella prima e nella seconda repubblica (e nella terza): per la mancanza di titoli si viene esclusi, si ricorre al Tar (l'Anief è pronta a sostenere il ricorso dei docenti precari che il servizio ce l'hanno, ma non di ruolo), si ottiene quasi sempre, con un buon legale (e con costi non simbolici), il "fumus" del danno per l'esclusione e si viene ammessi con riserva, mediante sospensiva del decreto di esclusione.

A questo punto metà del gioco è fatto perché la sentenza definitiva del Tar arriverà tra diversi mesi e, anche se quasi certamente negativa, non fermerà la macchina a concorsuale.

Se il candidato ammesso con riserva con sospesiva del Tar supera le prove e si colloca in graduatoria finale utile ha buone probabilità di farcela, anche se la la sentenza definitiva del Tar dovesse comportare il giusto depennamento dalla graduatoria di merito dei vincitori.

I candidati esclusi legittimamente e tardivamente dalla graduatoria si rivolgeranno ai parlamentari amici e, come è sempre avvenuto, otterranno ancora una volta un provvedimento straordinario di sanatoria e avranno il ruolo sospirato.

Lo stellone, ancora una volta, avrà funzionato.

Fonte: Tuttoscuola

Vai all'articolo on line