contatti

La stampa scrive

Tecnica della Scuola: Miur, in arrivo la “grana” degli indennizzi imposti dai tribunali a favore dei precari storici

La tendenza dei giudici del lavoro è di accordare onerosi rimborsi per la mancata stabilizzazione: si va dai 15mila ai 40mila euro. Poiché i ricorsi sono decine di migliaia, se l’esito dovesse generalizzarsi il Ministero rischia di perdere milioni di euro. Soprattutto se l’Avvocatura dello Stato dovesse confermare l’intenzione di tirarsi indietro.

La sentenza della Corte Europea, che sanziona quei datori di lavoro che non stabilizzano i lavoratori con alle spalle almeno tre anni di servizio, rischia di mettere a repentaglio una parte dei risparmi praticati negli ultimi anni dal ministero dell’Istruzione: a complicare i piani di razionalizzazione delle spese del dicastero di viale Trastevere sono le sentenze, emesse dai tribunali del lavoro, che stanno accordando onerosi indennizzi – tra i 15mila e i 40mila euro a testa - a favore dei docenti precari “storici”.

È notizia delle ultime ore che il giudice del lavoro di Milano, Fabrizio Scarzella, esaminando la causa patrocinata dal sindacato Anief ha indennizzato con quasi 30mila un’insegnante precaria lombarda: la docente non ha ottenuto l’assunzione a titolo definitivo, ma riceverà dallo Stato ben 6 mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto percepita (oltre 10.000 euro); 2.880 euro come scatti biennali maturati e non corrisposti nel periodo di precariato; 14.354 euro quali retribuzioni non percepite nei mesi di luglio e agosto per gli anni in cui il contratto era stato stipulato fino al 30 giugno ma su posto vacante e disponibile.

“Nelle ultime settimane, prima di questa sentenza – ricorda Marcello Pacifico, Presidente dell’Anief – anche altri tribunali del lavoro (in particolare quello di Torino ndr) hanno confermato tale parere. Evidentemente il diritto non perdona all’amministrazione italiana la violazione della normativa europea che ci chiede la corretta tenuta dei conti pubblici, ma anche la non discriminazione del personale a tempo determinato Ma se la tendenza verrà confermata a questo punto, sostiene il leader dell’Anief , “il Miur non ha scelta: assuma tutti i precari in blocco. Ciò comporterebbe un esborso per le casse dello Stato decisamente minore”.

”In effetti, sono state già diverse le occasioni in cui i giudici del lavoro hanno tenuto conto della direttiva Ue 1999/70/CE, attraverso cui vengono cancellate le discriminazioni tra precari e personale di ruolo. Certo la stragrande maggioranza dei ricorsi devono ancora essere esaminati: oltre a quelli dell’Anief, molto corposo è anche il numero di quelli del Codacons. Meno nutrito il numero della Flc-Cgil. E poi ci sono i docenti che si sono rivolti ai legali non patrocinati da associazioni o sindacati. Stime da confermare indicano la quota complessiva di richieste di stabilizzazione (o di lauto indennizzo) vicina alle 40mila unità. Un numero altissimo, tanto che se il Miur dovesse continuare a soccombere si ritroverebbe a dover indennizzare non pochi milioni di euro.

Per il dicastero di viale Trastevere la questione sembra davvero in salita. Ancora di più dopo che alcuni giorni fa l’Avvocatura dello Stato, coinvolta in uno dei ricorsi, ha deciso di tirarsi indietro. “Considerata la natura della presente controversia”, l’Avvocatura statale ha reputato “di non dover assumere direttamente la trattazione della causa”. Per il Miur, insomma, ci sono tutti i presupposti perché le richieste di stabilizzazione e risarcimento formulate dai precari si trasformino in un affare a perdere.

Fonte: Tecnica della Scuola