contatti

La stampa scrive

TMNews: Anief, Fornero si dimetta. L'impiego non si deve guadagnare

"Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, conferma ogni giorno che passa la sua incompetenza sul dicastero che dovrebbe reggere: il lavoro non si deve guadagnare, è un diritto-dovere, l'essenza stessa della nostra italianità". A sostenerlo è Marcello Pacifico, presidente Anief e delegato Confedir Mit-Pa alle alte professionalità, a proposito delle ultime dichiarazioni rese dal ministro sulla necessità di nostri cittadini di guadagnarsi sul campo il lavoro da svolgere.

Pacifico, che è docente di Storia medievale all'università di Palermo, sostiene che "chi è chiamato a certe alte responsabilità dovrebbe sapere che il tema del lavoro è legato alla storia dell'uomo fin dalla sua comparsa, strettamente legato al rapporto con la divinità. La fatica di Adamo ed Eva, cacciati dall'Eden, si lega all'espiazione dei monaci benedettini nella vita giornaliera dell'ora et labora, nell'ultimo impero millenario che ha visto la venuta del Cristo. Nel XIII secolo, il lavoro cambia natura, da elemento mortificante diventa elemento edificante nella ricerca di contribuire al progetto divino di realizzazione di un regno di pace e di giustizia".

"Bisogna collaborare con Dio al punto che per Giansenio il lavoro diventa un dovere morale nella gestione della propria vita, come trasmesso nel modello anglosassone e ripreso nelle democrazia occidentali. Per questa ragione la nostra costituzione laica prevede al suo primo articolo il lavoro come elemento caratterizzante la cittadinanza: la Repubblica deve rimuovere ogni ostacolo alla ricerca e all'accesso al lavoro invece che impedirne la realizzazione. Chiunque può non condividere questa posizione - conclude Pacifico - non è un rappresentante dello Stato".

Fonte: TMNews