contatti

La stampa scrive

Tuttoscuola: Miur, l'abilitazione magistrale non è titolo per l'ammissione al ruolo

Nei giorni scorsi, a seguito di alcuni interventi politici e sindacali, era riapparsa la tesi secondo cui le vecchie abilitazioni conseguite a tutto il 2001-2002 presso gli ex-istituti magistrali erano titolo valido per l’ammissione ai corsi di specializzazione per il sostegno (e implicitamente erano anche validi per l’immissione in ruolo.

Il Ministero dell’istruzione, con nota n. 13390 dell’11 dicembre2013, a chiarimento ha fornito l’elenco dei titoli abilitanti utili sia per la partecipazione ai corsi di specializzazione per il Sostegno di cui al D.M. 706/2013 sia per le immissioni in ruolo:

Facendo seguito alla nota di questa Direzione Generale prot. n. 13190 del 6 dicembre 2013 ed in risposta a numerosi quesiti, si precisa che per “abilitazione valida per l’immissione in ruolo”, si deve intendere l’abilitazione all’insegnamento conseguita a qualsiasi titolo, come da elenco seguente:

- Laurea in Scienze delle formazione primaria (per la scuola dell’Infanzia e primaria);

- SSIS (per la scuola secondaria);

- COBASLID (per la scuola secondaria)

- Diplomi accademici di II livello rilasciati dalle istituzioni AFAM per l’insegnamento

dell’Educazione musicale o dello Strumento;

- Diploma di Didattica della Musica (Legge 268/2002);

- Concorsi per titoli ed esami indetti antecedentemente al DDG 82/2012;

- Concorso per titoli ed esami indetto con DDG 82/2012 (esclusivamente all’atto della

costituzione del rapporto di lavoro);

- Sessioni riservate di abilitazione (D.M. 85/2005, D.M. 21/2005, D.M. 100/2004; O.M.

153/1999, O.M. 33/2000, O.M. 3/2001, ecc.)

- Titoli professionali conseguiti all’estero e riconosciuti abilitanti all’insegnamento con

apposito Decreto del Ministro dell’Istruzione;

- TFA

- PAS

Come si può vedere, il titolo di abilitazione conseguito negli ex-istituti magistrali non è valido ai fini dell’immissione in ruolo e dell’ammissione ai corsi di specializzazione per il sostegno.

Tutto finito? Probabilmente no, perché l’Anief, impegnato a sostenere con ricorsi le aspettative di molti docenti in possesso di quell’abilitazione, non si darà per vinto.

Fonte: Tuttoscuola