News

 

 

L'Ambito Territoriale di Torino, dopo l'intervento del sindacato Anief, annulla il decreto di licenziamento rivolto a 4 docenti con diploma magistrale immessi in ruolo “con riserva” e di depennamento dalle Gae di altri 18 insegnanti. 

L'intervento del nostro sindacato, nella persona del prof. Marco Giordano, Presidente Regionale Anief Piemonte, si è rivelato efficace per una rapida risoluzione del problema e l'ATP Torino, constatata la legittimità delle richieste del nostro rappresentante, torna sui suoi passi e annulla il decreto di licenziamento emanato qualche giorno fa. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Piena tutela per i nostri iscritti, già pronte le azioni legali per contestare i licenziamenti”.

 

 

 

Il nuovo reclutamento del personale docente e Ata della scuola passa per il modello trentino, quindi per i concorsi pubblici che diverrebbero regionali. Una filosofia “a tutto tondo” che riguarderebbe addirittura i contenuti didattici, più incentrati su discipline prettamente locali. Si ragiona come se la scuola pubblica italiana non fosse costituzionalmente un’entità nazionale, ma bensì territoriale. Il sindacato, però, ricorda che nell’ambito del processo di attribuzione delle competenze relative alle norme generali sull’istruzione bisogna tenere conto del rispetto degli articoli 3, 4, 16, 51, 97 della Costituzione, come ribadito dalla stessa Consulta in tema di reclutamento degli insegnanti, residenza professionale e servizi legati ai soli residenti. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, si dice “pronto ad impugnare qualsiasi norma che impedisca al personale della scuola la mobilità lavorativa in tutto il territorio nazionale”.

 

La giovane associazione sindacale, con l’intento di tutelare i propri ricorrenti e per sollecitare le attività concorsuali, ha inviato una nota al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per sollecitare “le prove suppletive concorso D.D.G. 85/18 in seguito a provvedimenti cautelari del TAR Lazio e del Consiglio di Stato favorevoli all’ammissione alla procedura concorsuale degli Insegnanti Tecnico Pratici (ITP) non abilitati, ai docenti con diploma accademico di conservatorio, belle arti o danza, ai docenti abilitati all’estero, ai docenti che hanno conseguito la specializzazione sul sostegno dopo il 30 giugno, ai docenti idonei ai precedenti concorsi, ai docenti con diploma ISEF”.

 

 

Udir, giovane sindacato che sta a fianco dei DS, dal moneto della sua fondazione sta portando avanti delle vere e proprie battaglie inerenti alla retribuzione dei capi d’istituto, non adeguata all’operato che compete loro e alle responsabilità, talvolta anche penali, che ricadono su di essi. Lancia ancora una volta un appello alle organizzazioni sindacali rappresentative, affinché non firmino un contratto che non dà loro il giusto riconoscimento e ricorda ai soci e ai non soci che ha attivato dei ricorsi per far valere le ragioni nei tribunali e recuperare così quanto spettante.

 

Ricorso Ria

Ricorso Fun

Ricorsi UDIR

 

 

È pronto il decreto del concorso per Dsga della scuola con 2.004 posti a bando e ulteriori 400 incrementabili in base alla disponibilità: al testo del documento – pubblicato da Orizzonte Scuola e contenente la procedura di selezione, la tabella di valutazione titoli, le prove d’esame, i programmi e la formazione delle commissioni d’esame - mancherebbe solo la firma del Ministro dell’Istruzione. La sua pubblicazione, dopo quasi due decenni di vuoto concorsuale, risulta sempre più necessaria, poiché oggi nelle nostre scuole manca all’appello un Dsga ogni quattro e si ricorre sempre più alle reggenze e all’assegnazione dei posti ad assistenti amministrativi con maggiore esperienza. 

Il problema è che l’accesso al concorso del personale Ata facente funzione nel ruolo superiore continua a rimanere associato a dei requisiti eccessivamente pre-selettivi: il Miur, infatti, si limita a considerare utili al raggiungimento dei tre anni di servizio, indispensabili per presentare domanda qualora il candidato fosse privo di laurea attinente, solo gli ultimi otto anni. Invece, secondo l’ufficio legale Anief vanno considerati utili anche le reggenze precedenti al 2010. Allo stesso modo, il sindacato reputa utili al raggiungimento dei 180 giorni annuali (la soglia minima richiesta dall’amministrazione) anche i servizi svolti in modo non continuativo. Inoltre, per il raggiungimento dei 36 mesi complessivi richiesti non vanno adottati vincoli di alcun genere. 

Anief, pertanto, ha predisposto un apposito ricorso al tribunale amministrativo regionale, non appena verrà pubblicato il decreto, con all’interno il regolamento d’accesso al concorso, qualora gli attuali vincoli di accesso illegittimi dovessero essere confermati, al fine di opporsi al limite temporale per l'accesso al concorso Dsga da parte degli assistenti amministrativi privi di laurea, ma con servizio prestato come facente funzione per almeno 3 anni in tutto o in parte maturati oltre gli ultimi 8 anni, 180 giorni non continuativi e con raggiungimento dei 36 mesi senza vincoli.

 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie