contatti

MIUR

La scrivente Organizzazione Sindacale PROCLAMA lo stato d’agitazione del personale docente e ata a tempo indeterminato e determinato delle istituzioni scolastiche ed educative (comparto scuola) e IPOTIZZA una giornata nazionale di sciopero.

 

 

Pertanto, si chiede l’avvio della preventiva procedura di raffreddamento e di conciliazione, come previsto dall’art. 1 c. 4 della Legge 83/00, di modifica dell’art. 2 c. 2 della Legge 146/90 in materia di diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali.

I regolamenti attuativi della legge 133/2008 hanno previsto un piano di dimensionamento della rete scolastica che sta riducendo in un triennio un decimo del personale in servizio, per un totale di 100.000 posti di lavoro tagliati a discapito della qualità e della continuità della didattica.

Il blocco del turn-over combinato con l’innalzamento dell’età pensionabile per le donne produce un costante invecchiamento del personale scolastico che, ormai, supera l’età media di 50 anni, classificandosi al primo posto nel mondo.

Nonostante la legge 296/2006 abbia previsto un piano programmatico di assunzione di 180.000 unità di personale docente e ata nel triennio 2007-2010, l’ultimo D.M. ha disposto l’immissione in ruolo per il 2010-2011 di sole 16.000 unità, non risolvendo né il problema del precariato né il ricambio generazionale.

La legge 167/09, introducendo le liste prioritarie per l’affidamento degli incarichi e intervendo nei processi in corso che avevano visto soccombente la pubblica amministrazione in sede cautelare, sta turbando il sereno avvio anche del nuovo anno scolastico e il sistema consolidato di attribuzione degli incarichi dalle graduatorie ad esaurimento e dalle graduatorie d’istituto.

La costante violazione nel comparto del pubblico impiego relativo al personale scolastico della direttiva della comunità europea n. 1999/70/CE, recante accordo quadro sul personale a tempo determinato, amplia a dismisura il fenomeno del precariato senza prevederne una stabilizzazione, come previsto, eppure, dal decreto legislativo n. 368/01. I posti in organico di diritto vengono adeguati agli organici di fatto, invece, di essere messi in ruolo, anzi, sono assegnati in moltissimi casi al 30 giugno invece che al 31 agosto, pur essendo vacanti e disponibili. Il personale docente e ata che ha avuto tre anni di incarico a tempo determinato anche non continuativi, pur avendo superato un pubblico concorso per titoli ed esami, continua a essere chiamato come supplente, mentre gli stessi supplenti continuano a ricevere ogni anno lo stesso stipendio iniziale a differenza dei docenti di religione e del personale di ruolo, senza alcun riconoscimento dell’anzianità di servizio.   

Anche sull’attivazione di posti in deroga di sostegno dopo la sentenza n. 80/2010 della corte costituzionale, nulla sembra essere cambiato, mentre lo stesso reclutamento dalle graduatorie ad esaurimento sta avvenendo in spregio al diritto riconosciuto dalla magistratura amministrativa al personale docente ricorrente riguardo alla libera mobilità, alla scelta della dichiarazione dei punteggi all’atto dell’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento, alla valutazione di alcuni titoli, come riconosciuto dalla giurisprudenza a seguito del contenzioso seriale promosso nei tribunali.

Né la situazione è migliore per quel fortunato personale di ruolo che non ha perso la cattedra a seguito dei tagli, visto che ogni ipotesi di carriera è sempre evocata, anche nell’ultimo CCNL 2006-2009, salvo cadere nel dimenticatoio al momento di una sua realizzazione; stessa cosa per un’area separata di contrattazione per il personale docente, ancora non prevista dallo stesso Contratto. Mentre, permane nel Contratto integrativo di mobilità una palese disparità di trattamento per il personale docente in possesso del titolo di specializzazione SSIS, e del personale che ha prestato gratuitamente servizio come tutor o supervisore presso le SSIS. Quest’ultima categoria di docenti, d’altronde, dopo anni di onorato servizio è costretta a ritornare in classe, a perdere il semiesonero e a disperdere la professionalità acquisita.

L’utilizzo degli LSU al luogo di personale qualificato nell’organico di diritto, poi, priva la scuola di professionalità adeguata e acuisce la dimensione dei tagli al personale precario, violando la stessa contrattazione. La manovra correttiva, di contro, ha bloccato gli scatti di anzianità anche per il personale di ruolo per il prossimo triennio. Il regolamento sulla formazione iniziale non è stato ancora emanato e i supervisori in servizio non sono confermati. Le risorse risparmiate dai tagli inferti, che ancora non sono stati bloccati, non sono state allocate né legate a reali meccanismi che premino la professione docente. Si prospetta un nuovo reclutamento legato alla realtà regionale e alla chiamata diretta da parte dei dirigenti. Il rinnovo del Contratto è saltato per il prossimo triennio.

Le elezioni RSU sono state rinviate; la rappresentanza delle OO. SS. firmatarie del CCNL 2006-2009, invece, è stata prorogata per legge mentre ancora l’amministrazione centrale si rifiuta di dare sistematicamente l’informativa richiesta, prevista dalla legge, a questa organizzazione sindacale, al punto che riteniamo si possa profilare un duro colpo alle regole della democrazia e della rappresentanza, e si possa mettere a rischio tutto il modello di relazioni sindacali.

Su Immissioni in ruolo, Pettine/code, Contenzioso seriale TAR/PdR - GaE, Cancellazione docenti di ruolo, ATA-25%LSU, Salva-precari 180 gg., Mobilità, SvT, Precariato e conciliazioni, TFA, Supplenze, II lingua, Sostegno, Strumento musicale, Informativa, RSU. Riaperti ricorsi GaE, Salva-precari, Cancellazione docenti di ruolo.

Proclamato lo stato di agitazione di docenti e ATA, a cui seguirà, in caso di mancato raffreddamento, l’indizione di uno sciopero generale della categoria nel prossimo autunno, a seguito dell’incontro avuto dal presidente nazionale ANIEF Marcello Pacifico, con il vice direttore generale MIUR Pilo e la dirigente Palermo.

Immissioni in ruolo: rispetto alle cifre divulgate ieri da Orizzontescuola e Italiaoggi, se confermate, ANIEF ha ribadito la violazione della legge 296/06, del Decreto legislativo 368/01 e della Direttiva UE 1999/70/CE - come ricordato dal commissario UE a una recente interrogazione dell’on. Borsellino (PD) - e ha rammentato la necessità di completare, comunque, il piano di rideterminazione dell’organico di sostegno di cui alla legge 244/07 (almeno 150.000 docenti e 50.000 Ata devono essere immessi in ruolo).Per questo, procede la campagna di stabilizzazione del personale docente e Ata con le conciliazioni gratuite attivate in tutta Italia presso gli UPLMO e le DPL per chi ha avuto almeno due contratti a tempo determinato tra il 2005 e il 2010, prima della promozione dei ricorsi seriali al giudice del lavoro, che saranno seguiti dalla professionalità di più di 200 legali su tutto il territorio nazionale (v. volantino)

Pettine/code: ANIEF, richiamando l’ultima nota del Commissario ad acta prot. n. 1 del 30/07/2010 LC100, ha nuovamente diffidato l’amministrazione centrale ad eseguire il giudicato cautelare favorevole ai ricorrenti ed a impartire, di conseguenza, ai dirigenti degli ambiti territoriali ordini ed istruzioni al fine di

-       immettere in ruolo o attribuire un contratto a tempo determinato ai soci ricorrenti ANIEF che ci hanno segnalato una mancata stipula di un contratto a tempo determinato e indeterminato per l’a. s. 2009-2010,

-       inserire a pettine i ricorrenti nelle province aggiuntive, e – comunque – consentire immediatamente il trasferimento dalla provincia di appartenenza a una nuova provincia, scelta per l’a. s. 2010-2011, secondo i reclami messi a disposizione.

Il vice direttore generale, prendendo atto delle istanze dell’ANIEF, ha riferito che invierà una richiesta al commissario ad acta in merito alle modalità di esecuzione delle ordinanze di ottemperanza del TAR Lazio. A tal proposito l’ANIEF ha richiamato le pertinenti notazioni contenute nell’ultima nota del Commissario ad acta prot. n. 1 del 30/07/2010 LC100, in ordine alle responsabilità penali conseguenti alla mancata collaborazione con gli ausiliari del giudice e per la mancata esecuzione delle ordinanze cautelari. In altre parole, la mancata esecuzione dei provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria costringerà i ricorrenti a denunciare alla Procura della Repubblica il reato di omissione di atto di ufficio (art. 328 c.p.) ed il reato di inosservanza dei provvedimenti dell'autorità (art. 650 c.p.), con responsabilità anche penali - che si aggiungono alle domande risarcitorie - a carico dei dirigenti del MIUR.

Di fronte allo ius superveniens invocato dal MIUR, infine, si è ricordato che l’udienza dinanzi alla Corte Costituzionale per l’annullamento della norma blocca-processi pro inserimento/trasferimento a pettine (art. 1 comma 4-ter del d.l. 25 settembre 2009, n. 134), dovrebbe tenersi entro la primavera del 2010, con una decisione che influirà pesantemente sul prossimo aggiornamento delle graduatorie.

Contenzioso seriale altri ricorsi TAR/PdR e GaE: le ordinanze cautelari, ottenute dai legali dell’ANIEF per i nostri iscritti, hanno annullato il D.M. 42/09 nella parte in cui vieta lo spostamento dei 24 punti, non attribuisce il bonus differenziale di sei punti agli abilitati SSIS, non valuta il punteggio di abilitazione per strumento musicale, cancella dalle GaE gli iscritti con riserva che hanno pendente un ricorso al Tar o al PdR.

Il v. D. G. ha affermato che l’amministrazione periferica si è adeguata o si adeguerà alle determinazioni del commissario ad acta a favore dei docenti che hanno proposto ricorso, ma non intende estendere gli effetti delle pronunce del TAR ai docenti che non hanno impugnato il D.M. 42/09 innanzi ai Tribunali amministrativi.

Pertanto, ANIEF, constatato che le graduatorie ripubblicate a decorrere dal 19 Luglio 2010 si pongono in contrasto con le numerose ordinanze e sentenze emesse dal Tar Lazio su ricorsi patrocinati dalla scrivente associazione, al fine di evitare una disparità di trattamento voluta dal MIUR e per garantire anche agli altri docenti gli stessi diritti maturati dai ricorrenti del 2009, riapre i termini per ricorrere al Tar (v. istruzioni operative). Stesso discorso vale per il ricorso per il riconoscimento del punteggio del servizio militare, patrocinato privatamente dall’avv. Ganci (v. istruzioni operative). Per quanto riguarda i reclami ANIEF presentati dai docenti inseriti con riserva con ricorso pendente (ricorsi ex 7.1, 7.2, 7.3 e 7.3-bis, congelati), l’amministrazione si è detta disponibile, dietro segnalazione, a reintegrare i docenti erroneamente cancellati.

Cancellazione docenti di ruolo: il v. D. G., non ancora a conoscenza delle determinazioni del TAR, non intende, comunque, adeguarsi all’ordinanza del Tribunale Amministrativo che sospende l’esecuzione di tale disposizione. Il v. D. G ha ricordato, inoltre, che il provvedimento è stato voluto anche dalle OO. SS. rappresentative per “salvare i precari”. ANIEF ha ribadito che il provvedimento non agevola i precari perché, a differenze delle assegnazioni provvisorie salvaguardate dalle OO. SS., non aumenta-salva alcun posto (visto che per ogni cambio di cattedra si libera sempre un posto) ma nega soltanto il diritto acquisito da 30.000 colleghi a essere inseriti in GaE a seguito di superamento di una prova concorsuale. Per queste ragioni, ANIEF riapre i termini del ricorso a tutti i docenti di ruolo al fine di ottenere la reintegrazione della propria posizione nelle graduatorie (v. istruzioni operative).

Ricorso ATA-LSU: l’Amministrazione pur condividendo la motivazione del ricorso avanzato dall’ANIEF, si rimette alle valutazione politica di tale scelta, richiamandosi alla consuetudine dell’assegnazione del 25% dell’organico ATA agli LSU. ANIEF ha ricordato come a seguito dei 16.000 tagli sul personale ATA che avverranno il prossimo anno scolastico, tale disposizione determinerà maggiore disfunzione e discriminazione. Pertanto, rimangono valide le istruzioni ANIEF per ricorrere e ottenere il recupero di 2.500 posti assegnati agli LSU (v. istruzioni operative).

Salva-precari: il v. D. G. ha annunciato la pubblicazione del D. M. 68/10 e si è detto convinto che l’interpretazione corretta della norma escluda la valutazione del servizio di 180 giorni prestato su più scuole, come invece sostenuto dai Giudici del lavoro dei Tribunali siciliani. ANIEF, pur continuando il contenzioso al Tar Lazio, pertanto, ha deciso di impugnare il nuovo provvedimento con motivi aggiunti per i vecchi ricorrenti al Giudice del lavoro, e ha deciso di riaprire i termini del ricorso al TAR Lazio per tutti i precari che sono stati ancora esclusi e presso i Tribunali del lavoro di tutta Italia per chi ha maturato il servizio di 180 giorni prestato su più scuole nell’a. s. 2008-2009 e 2009- 2010 (v. istruzioni operative).

Mobilità, SvT: ANIEF ha ribadito l’illogicità e la contraddittorietà di alcune norme del CCNI, già richiamate nell’incontro del febbraio 2009 scorso, su mobilità, utilizzazioni dove non è valutato il titolo SSIS, di supervisore di tirocinio, del corso riservato, né il biennio di servizio presso il corso SSIS. A dispetto delle altre OO. SS., si è criticato anche l’illimitato numero di assegnazioni provvisorie che ogni anno toglie il posto a migliaia di precari. Il v. D. G. si è limitato a richiamare come tali disposizioni siano state oggetto di contrattazione con le OO. SS. rappresentative e con loro concordate (CGIL-FLC, UIL, CISL, SNALS, FGU). Pertanto, nei prossimi giorni partiranno i primi ricorsi ex 700 al giudice del lavoro per porre rimedio a questa ingiustizia (per contatti, scrivi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Precariato e conciliazioni: di fronte ai tentativi che ANIEF ha promosso presso gli uffici provinciali del lavoro, il v. D. G. ha ribadito - su nostro incipit - che se la cattedra è vacante e disponibile il posto deve essere dato al 31 agosto, mentre in merito al blocco degli scatti biennali di anzianità per il personale precario e alla mancata stabilizzazione si è rimesso alle valutazioni politiche già espresse dal sottosegretario Pizza durante il dibattito sul decreto legge ‘salva-precari’. ANIEF ha chiarito come a fronte di 110.000 supplenze al 30 giugno e 20.000 al 31 agosto e di sole 60.000 domande tra mobilità e assegnazioni provvisoria, rimangano vacanti 50.000 posti, difficilmente tutti attribuibili a congedi straordinari, comandi, distacchi e malattie. Pertanto, ANIEF sta predisponendo per i propri soci che avranno alle prossime convocazioni o che hanno avuto un contratto al 30 giugno, un modello da inoltrare al dirigente scolastico per ottenere il nominativo a cui è assegnato quel posto disponibile in supplenza, e nel caso in cui non risulterà alcun nominativo, per dimostrare che quel posto era vacante e, quindi, attribuibile al 31 agosto (v. volantino). Sugli scatti biennali, se è vero che il nuovo decreto correttivo li blocca anche per il personale di ruolo nel prossimo triennio, nulla osta alla richiesta, già concessa da alcuni giudici, del recupero per gli scatti persi per i precari nel quinquennio 2005-2010 (v. volantino). Inizieremo durante le prossime convocazioni una campagna massiccia di adesione, in vista delle prossime convocazioni, perché termini questa brutta abitudine di sfruttare il precariato, con la scusa di una continuità didattica che è negata proprio dalla precarietà, e trionfi il diritto e la parità di trattamento oltre che la salvaguardia della dignità del personale della scuola precario o di ruolo.

Supplenze: in merito alla circolare di prossima emanazione dove si adegua l’organico di diritto a quello di fatto invece di darlo in ruolo - come avviene, purtroppo, ogni anno -, ANIEF ha richiesto un univoco trattamento in merito allo spezzettamento o all’accorpamento delle cattedre (spezzoni). I collaboratori, i coordinatori provinciali e regionali ANIEF vigileranno durante le operazioni di assegnazioni degli incarichi a tempo determinato e indeterminato sulla corretta procedura delle assegnazioni e delle individuazioni degli incarichi e dei posti disponibili. Chiunque si può rivolgere a loro per ottenere giustizia e rispetto delle regole.

II lingua: ANIEF ha richiesto di salvaguardare l’insegnamento della seconda lingua comunitaria nelle more della definizione del processo amministrativo in corso e secondo quanto richiesto dalla UE, così da garantire un’adeguata copertura di posti per le prossime immissioni in ruolo.

Sostegno: ANIEF ha annunciato la nuova campagna di raccolta di posti in deroga da attivare che partirà nel prossimo settembre per aver già da novembre nuovi posti in deroga come già sperimentato nel corso anno scolastico dopo le segnalazione giunte all’ANIEF sulla reiterazione dei tagli (v. volantino).

Strumento musicale nella scuola media: il v. D. G. ha sottolineato come dopo le segnalazioni dell’ANIEF della violazione della circolare n. 37/10 riguardo alla salvaguardia dell’organico precedente, alcune regioni come l’Emilia Romagna si sono adeguate. ANIEF, pur apprezzando i tentativi di rimodulare l’organico dopo le segnalazioni, ha denunciato la persistente violazione della circolare e si è impegnata a segnalare alla D. G. quanto ancora ritenuto illegittimo.

TFA: a causa della complessità delle nuove procedure per una sua attivazione da parte delle università e dei seri problemi rimarcati anche nel parere del Consiglio di Stato in merito all’accesso in sovrannumero degli iscritti con 360 giorni di servizio e del ricorso ANIEF al Tar per i congelati, il v. D. G. ha prospettato un forte ritardo per la sua attivazione nel prossimo anno accademico. ANIEF ha diffidato l’Amministrazione dal perdere ancora tempo e ha ricordato come vi siano delle categorie come i docenti non abilitati con 360 giorni di servizio, i congelati SSIS o i docenti già abilitati, che hanno diritto all’inserimento in sovrannumero senza alcuna prova orale. ANIEF ha ribadito, inoltre, la necessità di utilizzare i supervisori di tirocinio come tutors coordinatori e organizzatori nella fase di prima attuazione della riforma. Infine, ANIEF ha ricordato come più di 5.000 specializzandi si sono diplomati o laureati presso i corsi AFAM, Cobaslid, SFP entro lo scorso 30 giugno, conseguendo l’abilitazione e rimanendo fuori dalle GaE, dopo una manifestazione e un preciso ordine del giorno preso dal Governo. Di fronte a una scelta che deve essere politica, il v. D. G. dubita che si possano riaprire le GaE per consentire il loro inserimento, mentre ipotizza un nuovo canale di reclutamento dove inserire questa categoria e i nuovi abilitati con un accesso preferenziale al ruolo. L’ANIEF ha ribadito che l’ipotesi di un ennesimo doppio canale (come prospettato da alcune OO. SS. in audizione in Parlamento) non regge ai profili di costituzionalità e ha richiesto pertanto l’inserimento di tutti i docenti abilitati in un unico canale, quello delle GaE che devono essere riaperte, senza lasciare alcun spazio a ipotesi di chiamata diretta o albi regionali voluti da alcune forze politiche e sindacali.

Informativa: il v. D. G., di fronte all’ennesima richiesta dell’ANIEF, si rimette alle decisioni del Capo di Gabinetto in merito a come applicare la normativa che dovrebbe garantire l’informativa sindacale a tutte le OO. SS., anche del comparto scuola, che hanno una rappresentanza su tutto il territorio nazionale ma che non hanno firmato il CCNL, visto che l’ANIEF ha raggiunto la quota di 20.000 iscritti e ha più di 500 collaboratori sindacali e legali in tutto il territorio nazionale. ANIEF attende tale decisione prima di ricorrere al giudice del lavoro per attività anti-sindacale, come il giudice di Livorno ha recentemente ribadito. A tal proposito, ANIEF reputa negativamente l’invito del Ministro in tema di organici e valorizzazione della professione docente, rivolto in data odierna a quei soli sindacati la cui rappresentatività è stata data per legge dal governo, e a quel sindacato non rappresentativo nell’area del comparto docente-ata ma solo del personale dirigente e non anche alla presente O. S. che più volte ha dimostrato di voler collaborare con l’Amministrazione e di interpretare la normativa legittimamente.

RSU: ANIEF ha denunciato l’ipotesi di un ulteriore rinvio delle elezioni RSU previste per novembre 2010 perché comporterebbe l’immediata revisione dei criteri di rilevazione e di accreditamento dei sindacati rappresentativi che possono firmare i contratti collettivi nazionali e sedere al tavolo delle trattative. L’attuale soglia prevede, infatti, il 5% tra dato elettorale (dei voti complessivi espressi alle ultime elezioni RSU) e dato associativo (deleghe attive nell’anno precedente alla data delle elezioni). Ora poiché l’ultimo dato elettorale risale al 2006, mentre quello associativo dovrebbe essere misurato nel dicembre 2010, è chiaro che nel rinviare le elezioni anche del 2010 si priverebbe l’ARAN degli strumenti necessari per misurare la rappresentatività delle OO. SS. che non a caso, attualmente, sono state prorogate per legge dall’ultimo decreto mille-proroghe, ovvero per volontà del governo e non dei lavoratori, sfuggendo alle regole della democrazia della rappresentanza.

Per tutte le ragioni sopra espresse, ANIEF ha deciso di proclamare lo stato di agitazione del personale docente e Ata, riservandosi di proclamare uno sciopero generale nel prossimo autunno.

Pagina 18 di 18