contatti

Tutte le notizie

Docenti, la carica dei 100mila: da martedì 30 luglio il Miur dà il via alle iscrizioni ai corsi abilitanti

Servono tre anni di supplenze annuali dal 1999 all’anno in corso: niente test selettivi, tutti ammessi d’ufficio. Anief: i tanti i docenti esclusi illegittimamente - come quelli di ruolo, i supplenti che hanno svolto 360 giorni o i dottori di ricerca - potranno fare ricorso al Tar del Lazio.

A partire da martedì 30 luglio, circa 100mila docenti precari della scuola potranno iscriversi ai corsi riservati per il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento: il decreto del Miur n. 58, che disciplina le modalità di accesso ai “Percorsi formativi speciali”, organizzati dalle Università accreditate, verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale per permettere a tutti i docenti non di ruolo con tre anni supplenze da almeno 180 giorni ciascuna (svolte dall’anno scolastico 1999/2000) di poter conseguire la certificazione per poter aspirare all’assunzione in ruolo.

L’iscrizione ai corsi abilitanti potrà essere effettuata da qualsiasi postazione informatica dotata di una connessione web. C’è tempo fino al 29 agosto: i candidati dovranno utilizzare il sito Miur “Istanze On Line”, iscrivendosi preliminarmente attraverso le credenziali comunicate a seguito dell’autorizzazione effettuata dai diretti interessati (o dei delegati) attraverso una segreteria scolastica, un Ufficio scolastico regionale o provinciale.

Le proteste di alcuni organismi politici e sindacali, tra cui quelle particolarmente veementi dell’Anief, hanno costretto il Governo a rivedere alcune norme sulle procedure di accesso: a differenza di quanto indicato nel decreto ministeriale n. 249/2010 e alle modifiche agli articoli 5, 11 e 15 dello stesso decreto, pubblicate nella Gazzetta ufficiale il 4 luglio scorso, è stata infatti cancellata la prevista prova di accesso ai corsi. Via libera anche alla validità, tra i periodi utili all’iscrizione, dell’annualità in corso, inizialmente non ritenuta valida: “nelle more della revisione dei requisiti di accesso relativi al servizio – si legge nel decreto in via di pubblicazione - gli aspiranti potranno dichiarare anche i servizi relativi all’anno scolastico 2012/13”.

Il Ministero dell’Istruzione ha invece deciso unilateralmente e per la prima volta, da quando sono stati istituti i corsi di abilitazione, di elevare da 360 a 540 i giorni di supplenze minimi per l’accesso ai corsi. Come ha deciso di introdurre l’innovativa soglia minima dei 180 giorni per anno. E l’obbligo di effettuare almeno una annualità di supplenze nella classe di concorso oggetto della domanda di abilitazione. Saranno poi esclusi tutti i docenti di ruolo, che vogliono accedere ad un’altra abilitazione, anche se hanno perso il posto e hanno estremo bisogno di acquisire un’altra abilitazione. Porte sbarrare anche agli idonei alla selezione ad altri classi concorsuali presso le SSIS (Legge 143/04) o TFA ordinario, ai dottori di ricerca, spesso anche docenti a contratto presso le Università, ai docenti in possesso del diploma magistrale conseguito negli anni 1999-2002.

Il sindacato autonomo reputa questi “paletti” illegittimi. Prima di tutto perché escludono del personale senza una spiegazione logica. Ma anche perché, normativamente, un decreto di modifica, di carattere ministeriale, non può sovrastare le modalità di reclutamento previste da una legge dello Stato.

Pertanto, Anief annuncia ricorso al Tar del Lazio per permettere a tutti coloro che verrebbero ingiustamente esclusi dai corsi di poter accedere: da martedì stesso, in corrispondenza della pubblicazione del decreto organizzativo in Gazzetta Ufficiale, nel caso in cui (come probabile) non fosse per loro possibile l’iscrizione attraverso il sistema “Istanze online”, potranno inviare una diffida al Miur. E, successivamente, una domanda cartacea entro i termini di scadenza. Per ricevere la documentazione e le istruzioni operative possono scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando nome, cognome, mail e numero di telefono cellulare.