1180-ricorso-ds2

Per allineare le buste paga di 3 milioni e 300mila dipendenti del pubblico impiego servirebbero 170 euro e non gli 85 che i Confederali si apprestano a sottoscrivere mercoledì prossimo, quando incontreranno il ministro della Funzione Pubblica: da corrispondere dal 1° settembre 2015, esattamente il doppio di quanto propongono ora amministrazione e sindacati, peraltro con finanziamenti di cui non c’è traccia nella legge di bilancio.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): è stato recentemente l’Istat a calcolare che nel 2016 gli stipendi dei lavoratori statali hanno raggiunto il punto più basso dal 1982. E sul ritardo clamoroso dei compensi che ricevono i dipendenti pubblici si è espressa di recente anche la Corte dei Conti; per non parlare della Consulta che, con una doppia espressione, ha reputato illegittimo mancati aumenti e stop contrattuale. Sono anni che diciamo, inascoltati, che i rinnovi di contratto si fanno rispetto all’Indice dei Prezzi al Consumo Armonizzato per i paesi dell’Unione e che gli scatti di anzianità non si toccano: ancor di più nella scuola, dove rappresentano l’unica modalità di carriera professionale.

Il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici 2016-2019, sottoscritto dai sindacati di settore con Confindustria, rende ancora più modesto l’accordo che si sta producendo sul comparto pubblico ed il personale della scuola: per i metalmeccanici, infatti, è previsto il “recupero del 100% dell'inflazione per tutta la durata del contratto e riconoscimento pieno degli scatti di anzianità”. Questo significa che a tutti i lavoratori di comparto “verrà riconosciuta l'inflazione con gli aumenti del contratto nazionale. Verrà calcolata expost, ovvero dopo che a maggio sarà reso noto dall'Istat il valore dell'Ipca (indice dei prezzi al consumo armonizzato a livello europeo), nella busta paga di giugno sarà erogato l'aumento dell'anno precedente”.

 

Anief-Cisal ritiene che il modello di rinnovo del contratto, introdotto poche ore fa per il settore metalmeccanico, possa essere adottato anche per i 3 milioni e 300mila dipendenti del pubblico impiego che, a seguito del blocco contrattuale che si trascina dal 2009, si ritrovano oggi uno stipendio arretrato di quasi il 20 per cento rispetto all’inflazione. Concedere agli statali solo 85 euro di aumento-miseria, come proposto dal Ministro per la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, peraltro non si comprende con quali finanziamenti, poiché la dotazione di 1,48 miliardi di euro per il 2017 e 1,39 miliardi di euro dal 2018 previsti nella legge di bilancio sono ampiamente insufficienti, rappresenterebbe solo un “contentino” al comparto più corposo della pubblica amministrazione.

Se sono queste le condizioni – unitamente ad alcune modifiche normative del Ccnl – a cui dovranno sottostare i sindacati Confederali mercoledì prossimo, giorno della convocazione dei segretari generali, per giungere all’accordo definitivo sul rinnovo contrattuale della P.A., c’è davvero poco da festeggiare. A fronte di uno stipendio lordo medio di 1.700 euro, l’incremento minimo relativo all’indennità di vacanza contrattuale, pari al 10 per cento, sarebbe infatti di 170 euro a lavoratori e non certo di 85 euro medi come intende la parte pubblica. Se poi si volessero adeguare le buste paga dei lavoratori pubblici a quelle dei privati, la somma dovrebbe raddoppiare: l’aumento per far tornare le buste paga dei dipendenti pubblici sopra il costo della vita è, pertanto, pari ad oltre 300 euro.

“Non si tratta affatto di cifre esposte in libertà – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – , perché è stato di recente l’Istat a calcolare che nel 2016 gli stipendi dei lavoratori statali hanno raggiunto il punto più basso dal 1982. E sul ritardo clamoroso dei compensi che ricevono i dipendenti pubblici si è espressa di recente anche la Corte dei Conti; per non parlare dei giudici di alto grado, visto che la sentenza della Consulta (sulle pensioni quali retribuzioni differite), di un anno e mezzo fa, ne impone, per analogia, la perequazione automatica al di là della firma del contratto, e la stessa Corte Costituzionale nel 2015 ha reputato illegittimo il blocco dei contratti e degli stipendi pubblici”.

“Sono anni che diciamo, inascoltati, che i rinnovi di contratto si fanno rispetto all’Indice dei Prezzi al Consumo Armonizzato per i paesi dell’Unione, il cosiddetto Ipca: tuttavia, i parametri di riferimento adottati al tavolo contrattuale sono altri e, purtroppo, decisamente più sconvenienti per i lavoratori pubblici. Gli scatti di anzianità, poi, non si toccano ancora di più nella scuola dove – conclude Pacifico – rappresentano l’unica modalità di carriera professionale.

Anief-Cisal, pertanto, invita i lavoratori della scuola e del pubblico impiego a ricorrere in tribunale per recuperare per via giudiziaria quell’indennità di vacanza contrattuale che altrimenti verrà persa per sempre.

 

 

Per approfondimenti:

 

 

Contratto, meglio tardi che mai: i sindacati maggiori si svegliano e chiedono 220 euro di aumento

 

PA – Rapporto Ragioneria dello Stato sui dipendenti: -0,5% sulle retribuzioni e l’età media sale a 49,2 anni

 

Valutazione docenti, è polemica tra i sindacati su come assegnare i soldi del “merito” previsti dalla Buona Scuola

 

Merito professionale, il Governo ha scritto il decreto che cancella gli scatti di anzianità: al 90% dei lavoratori andrà solo il salario minimo

 

Con la Legge Brunetta 150/09 addio scatti di anzianità. Il Miur replica all’Anief: non è vero. Il sindacato: abbiamo toccato un nervo scoperto, i soldi non ci sonoPa: firma accordo 4 comparti(Ansa, 5 aprile 2016)

Firmata all’Aran l'ipotesi di accordo sui 4 comparti, ora nel contratto 2016/18 salteranno gli scatti di anzianità

 

Stipendi a picco, ora il Governo vuole bloccare i valori dell’indennità di vacanza contrattuale fino al 2021

 

Aumento stipendi ai minimi dal 1982 (Ansa, 27 maggio 2016)

 

Stipendi mai così bassi negli ultimi 35 anni: 3 milioni di dipendenti pubblici battuti anche dall’inflazione

 

In Francia 1.400 euro in più ad ogni insegnante che già oggi guadagna più di un preside italiano. Perché il nostro Governo è fermo a 17 euro d’incremento?

 

P.a: Madia, mai detto soglia 26mila euro per aumenti salario(Ansa, 13 giugno 2016)

 

In arrivo aumenti solo per chi guadagna meno, la smentita del ministro Madia non convince

 

Rinnovo contratto, nel DEF previsti appena 800 milioni di euro. Anief: è una vergogna, servivano 6 miliardi solo di arretrati

 

Precariato, il governo pensa di vincerlo svuotando le GaE e alzando i muri. Anief: grave errore, a novembre manifestazione a Roma dei docenti dimenticati

 

Miur pubblica le priorità per il 2017, Anief: si parta da sostegno, stipendio e precari

 

Contratto, Legge di Stabilità: lo sforzo massimo è di 40 euro di aumento, ma ne servono 300

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie