1185x150 anief bomba concorso 27 dic

Con l’uscita dal lavoro, volontaria e d’ufficio, che si concretizzerà in estate, anche per colpa di un concorso elefantiaco con precari e neo-immessi in ruolo illegittimamente esclusi, si stima che si sfioreranno le 2.500 reggenze. Per evitare che la situazione precipiti, lasciando le scuole nel caos, quelle in reggenze e quelle di assegnazione dei presidi reggenti, l’associazione sindacale Udir si è fatta promotrice di una proposta emendativa, attraverso la quale chiede di posticipare di dodici mesi i pensionamenti dei dirigenti scolastici destinati ad andare in pensione il prossimo 1° settembre. Si tratterebbe di una facoltà, quindi su base volontaria, molto utile per limitare i danni.

Il giovane sindacato dei presidi, pertanto, chiede di integrare l’art. 1 della legge 114/2014 con l’aggiunta del comma 8: “Al fine di garantire l'efficienza e la qualità del sistema Istruzione e di limitare l’uso spropositato delle reggenze che non garantiscono un adeguato sistema formativo e didattico-pedagogico del servizio Istruzione, il personale Dirigente scolastico collocato d’ufficio in pensione dal 01.09.2018, a domanda volontaria è mantenuto in servizio fino al 31.08.2019, considerato che dal 01.09.2019 subentreranno in servizio i vincitori del Concorso dirigenziale in atto”.

 

 

Adottare provvedimenti straordinari per evitare che a settembre le scuole diventino ingovernabili: un istituto autonomo su tre, infatti, si ritroverà senza il proprio dirigente scolastico, obbligando quelli in servizio a farsi carico di un numero sempre più alto di plessi in reggenze. Già nel corso del corrente anno scolastico, la situazione si è rivelata al limite della agibilità: quasi 2mila scuole sono state affidate a dei capi d’istituto in forza ad altre istituzioni. Con i pensionamenti in arrivo, volontari e d’ufficio, che si concretizzeranno in estate, tra pochi mesi, anche per colpa di un concorso elefantiaco con precari e neo-immessi in ruolo illegittimamente esclusi, si stima che si sfioreranno le 2.500 reggenze.

Per evitare che la situazione precipiti, lasciando le scuole nel caos, quelle in reggenze e quelle di assegnazione dei presidi reggenti, l’associazione sindacale Udir si è fatta promotrice di una proposta emendativa, attraverso la quale chiede di posticipare di dodici mesi i pensionamenti dei dirigenti scolastici destinati ad andare in pensione il prossimo 1° settembre. Si tratterebbe di una facoltà, quindi su base volontaria, molto utile per limitare i danni, sempre in attesa che venga portato a termine il concorso per selezionare 2.800 nuovi dirigenti scolastici, il cui bando è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 90 del 24 novembre scorso.

Nella proposta, Udir chiede la modifica temporale dell’art.1, Legge 114 dell’11 agosto 2014: dopo aver rilevato “l’alto numero delle Scuole in reggenza per il corrente a.s. 2017/2018, quali Istituzioni scolastiche sottodimensionate, normo dimensionate ma risultate vacanti dopo le operazioni di mobilità, ivi compresi i C.P.I.A.”, e “le ulteriori sedi in reggenza da aggiungersi per l’a.s. 2018/2019 conseguente ai pensionamenti d’ufficio dei Dirigenti scolastici disposti ai sensi della L.114/2014 per raggiunti limi d’età”, il giovane sindacato si sofferma sulle “note criticità presenti a tutt’oggi nel sistema Istruzione pubblica per l’alto numero di scuole in reggenza perché prive del Dirigente scolastico e l’ulteriore aggravio di problematiche che si prospettano per l’a.s. 2018/2019, conseguente al pensionamento d’ufficio disposto dal 01.09.2018”.

Considerando che “le reggenze scolastiche, per ragioni oggettivamente intuibili non garantiscono una funzionale organizzazione del servizio sia in termini di qualità, sia in termini di efficienza organizzativa”, Udir spiega “che la eventuale permanenza volontaria in servizio al 31.08.2019 dei Dirigenti scolastici collocati in pensione dal 01.09.2018 garantirebbe continuità alle istituzioni scolastiche  con un successivo passaggio quasi naturale ai nuovi d.s. vincitori di concorso dal 01.09.2019;eviterebbe di aumentare il bacino delle reggenze, che non veicolano di certo una adeguata organizzazione del lavoro,  didattica e formativa”. Inoltre, “sul piano finanziario”, tale proroga “comporterebbe un risparmio per la finanza pubblica (mancata assegnazione delle reggenze)”.

Il giovane sindacato dei presidi, pertanto, chiede di integrare l’art. 1 della legge 114/2014 con l’aggiunta del comma 8: “Al fine di garantire l'efficienza e la qualità del sistema Istruzione e di limitare l’uso spropositato delle reggenze che non garantiscono un adeguato sistema formativo e didattico-pedagogico del servizio Istruzione, il personale Dirigente scolastico collocato d’ufficio in pensione dal 01.09.2018, a domanda volontaria è mantenuto in servizio fino al 31.08.2019, considerato che dal 01.09.2019 subentreranno in servizio i vincitori del Concorso dirigenziale in atto.Il presente emendamento, finalizzato a garantire efficienza ed efficacia al servizio istruzione e ad arginare l’attribuzione di reggenze, spesso ingovernabili per le dimensioni gestionali, ha validità temporale perentoria fino al 31.08.2019 e si applica, per la specificità del Comparto, ai soli Dirigenti scolastici; non comporta, alcun aggravio di spesa per la finanza pubblica, considerato il risparmio che si avrebbe sulle mancate attribuzioni delle reggenze”.

 

 

Per approfondimenti:

 

Dirigenti scolastici nel mirino del Miur, nel Lazio devono restituire 3.355 euro a testa ma il calcolo è errato

Dirigenti scolastici, la spending review non è finita: stipendi tagliati di 350 euro

Dirigenti scolastici, appello trasversale ai sindacati: non firmate quel rinnovo di contratto capestro

Dirigenti scolastici: primo seminario gratuito di formazione per i 276 neo-assunti. Napoli, 25 agosto 2017

Sicurezza, centinaia di dirigenti scrivono al Parlamento e alla Ministra: mancano le certificazioni, lezioni a rischio ma province e comuni non collaborano

Sicurezza, a settembre diverse scuole potrebbero non aprire: Udir presenta modifiche al Testo Unico e apre una consultazione pubblica tra i presidi

Contratto presidi, riprende la trattativa per risollevare la categoria con più responsabilità nella PA in cambio di compensi dimezzati

Dirigenti scolastici, entro la settimana l’agognato concorso: intanto l’anno parte con una presidenza su quattro in reggenza

Sicurezza istituti, vecchi e sulle spalle dei presidi: Udir convocata in Commissione Cultura–Lavoro

Concorso dirigenti scolastici, finalmente il Miur risponde all’on. Maria Marzana (M5S): il bando avrà una riserva di posti per i 50 presidi incaricati

Concorso dirigente scolastico, pubblicato il Regolamento: Anief lo impugna al Tar laddove esclude i precari laureati con cinque anni di servizio e i neo-immessi in ruolo

Concorso dirigente scolastico, due anni d’attesa per bandire la metà dei posti necessari

Concorso dirigente scolastico, Miur rimane fermo alle regole di 20 anni fa: esclusi precari e neo-assunti, il sindacato si oppone

Concorso dirigente scolastico, è corsa contro il tempo: se non parte subito, tra 11 mesi avremo 2.500 istituti senza preside

Sempre più emergenza presidi, in Sardegna un dirigente gestisce 17 scuole

Concorso dirigenti scolastici, pubblicato il bando. Disco rosso Miur per docenti precari e neo-assunti: Anief invita gli esclusi a presentare ricorso, già pronto il modello cartaceo

Scuole senza preside, in arrivo 2.500 reggenze per colpa di un concorso per dirigenti elefantiaco e discriminatorio

Concorso presidi, ora spunta l’ipotesi di nominare i vincitori in corso d’anno ma è tutto inutile

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie